Il fatto

Casa Bianca. La Rice a Roma per un colloquio con D'Alema

14-07-2007

ROMA. Il segretario di Stato americano Condoleezza Rice sarà a Roma, a fine luglio, per un colloquio con il ministro degli Esteri Massimo D'Alema. La tappa della Rice nella capitale italiana si colloca tra una visita in Ghana e un'altra a Lisbona e prima di un tour in Medio Oriente. Era da qualche giorno che circolava la voce di un imminente passaggio in Italia del segretario di Stato Usa e la conferma è venuta ieri da fonti diplomatiche.

Da parte americana si specifica che "al Dipartimento di Stato si sta lavorando a quest'ipotesi e che non c'é ancora niente di definitivo", ma la visita è programmata e si tratta di confermare il giorno. E' chiaro che, in questo momento, l'Africa da una parte ed il Medio Oriente dall'altra, figurano in cima alle priorità della politica estera italiana come di quella americana: il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è appena rientrato dal Ghana, il titolare della Farnesina (accompagnato dal ministro per il commercio internazionale Emma Bonino e dal leader della Confindustria, Luca Cordero di Monte-zemolo) sono reduci da un tour in Sudafrica, Mozambico e Congo, mentre il premier Romano Prodi è stato nei giorni scorsi in Israele per colloqui con il collega Ehud Olmert.

Da parte sua, la Rice si appresta a partecipare ad Accra, in Ghana, al sesto forum della Cooperazione commerciale ed economica tra gli Stati Uniti e l'Africa sub-sahariana (Agoa) in programma dal 18 e al 19 luglio. Quindi, volerà a Lisbona, dove (il 19 luglio, nel pomeriggio) si terrà la prossima riunione del Quartetto Usa-Ue-Onu-Russia sul Medio Oriente con il debutto del nuovo inviato speciale, Tony Blair. All'inizio di agosto, invece - come confermato ieri dal presidente George W.Bush - Rice, insieme al ministro della Difesa Robert Gates, partirà per il Medio Oriente (missione che inizialmente il segretario di Stato doveva effettuare da sola) per mettere in campo iniziative che facciano avanzare la causa della pace in Iraq e nella regione. Viaggeranno insieme in Medio Oriente, ha annunciato Bush, "per incontrare i nostri alleati, rinnovare il nostro impegno alla iniziativa internazionale di Sharm el-Sheikh, rassicurare i nostri amici che il Medio Oriente resta una vitale priorità strategica per gli Stati Uniti".

Ed è proprio in questo contesto che si inserisce l'incontro del segretario di Stato a Roma con il titolare della Farnesina. Per Rice e D'Alema si tratta del quarto faccia a faccia dall'inizio del 2007: il 26 gennaio hanno avuto un colloquio a Bruxelles dopo la riunione straordinaria dei ministri degli Esteri della Nato; il 20 marzo D'Alema è volato a Wa-shington per incontrare il segretario di Stato in un momento assai delicato delle relazioni diplomatiche, dopo la liberazione dell'inviato di Repubblica, Daniele Mastrogiacomo, rapito in Afghanistan; e, il 25 giugno scorso, i due hanno avuto un altro incontro bilaterale a Parigi a margine della conferenza internazionale sul Darfur alla quale entrambi hanno preso parte.

Il palinsesto di oggi