La città

Nancy Donaruma

Nancy, violoncellista di successo sceglie di fare il paramedico a tempo pieno

21-07-2007

LA SCELTA DI Nancy Donaruma ha dell'ammirevole, soprattutto perchè giunge dopo 31 anni di onorata carriera. La carriera di violoncellista di prima fila della New York Philharmonic.

Nancy, il 14 settembre salirà per l'ultima volta sul palcoscenico della Philharmonic sotto la bacchetta di John Williams. Il giorno dopo diverrà un paramedico a tempo pieno. Cambia anche il suo stipendio: da sei cifre, alla parte bassa delle cinque cifre, come ammette lei stessa; cioè da un paio di centinaia di migliaia di dollari all'anno a circa 30 mila.

Ma Nancy si dichiara "entusiasta" del lavoro che l'aspetta e della nuova vita che per lei comincia a 59 anni. "Sono stata sempre interessata da come funziona il corpo umano - dichiara - e da come non funziona, e mi piace proprio curare la gente".

Divorziata con due figli, la signora Donaruma afferma che le sue doti di violoncellista le torneranno utili al servizio delle ambulanze di Poughkeepsie, città dove vive in una casa circondata da 14 acri di terreno assieme al compagno, un tecnico di computer. La tattilità e agilità delle dita, nonchè la loro morbidezza, "sono quello che ci vuole per avvertire il polso e praticare endovene" mentre altre doti che bene si adattano sono "quelle di essere concentrati e di reagire all'istante senza commettere errori", afferma.

Donnaruma ha suonato con la New York Philharmonic in sessanta tour mondiali, ovunque tranne che in Africa. Nel suo appartamento di Manhattan, si è anche esibita per Paul Newman durante un concerto per beneficenza. E per beneficienza, continuerà a suonare senza percepire cachet per i colleghi della Alamo EMS, mentre per le serate più impegnative si dedicherà ai concerti da camera. I suoi autori preferiti sono Beethoven e Brahms.

"Quello di paramedico è un lavoro con un alto livello di impegno fisico, devi muoverti in continuazione e non si sa mai cosa sta per succedere " afferma, come quando ha dovuto aiutare un uomo di 200 chili a scendere dal terzo piano dall'appartamento durante un servizio d'emergenza.

E' una donna chiaramente affascinata dall'essere umano e dai suoi contorni: "Puoi imparare molto osservando la vita dei pazienti, con chi vivono, come vivono. Si valuta non solo lo stato fisico, ma anche l'ambiente e il loro stato mentale". Donnaruma è originaria di Oklahoma e il padre era violinista. Negli ultimi anni, tra gli impegni musicali  ha dovuto trovare il tempo per i corsi di paramedico tenuto al Dutchess Comunity College, a cui sono seguiti i turni mensili sulle ambulanze.

Un giorno, da studente in sala operatoria, stava guardando un chirurgo operare d'appendicite, e in sottofondo veniva trasmessa musica registrata dalla New York Philharmonic. "Ci sono anch'io in quel disco" ha annunciato Donnaruma con una vocina al chirurgo. Che dal canto suo ha risposto: "Ma lei che ci fa qui?"

Il palinsesto di oggi