Le poesie

Previsione (speriamo...)

di Nino Del Duca

22-07-2007

 

‘Nzi a mò niente è succièso, menu male!

‘O munno gira ancora allegramente

e ‘a ggente, cumme ‘o solito, cammina

per la sua strada e nun se ‘mporta ‘e niente.

Nun è ca io stèvo troppo appauràto,

ma, sotto sotto, ci pensavo anch'io:

"Vuo' vede', nun sia maie, ca ‘a previsione

ca isso facètte tantu tiempo fa

overamente mò s'èssa avvera'?

Quattro secoli fa, nel Cinquecento,

‘n astrologo ca era assai stimato

dicètte ca durante ‘o mese ‘e luglio

fosse succièsa ovèro ‘a fine ‘o munno.

‘O cielo s'arapèva e ‘ncopp' ‘a terra

cadèvano a zeffùnno, p' ‘a dsitruggere,

muntagne ‘e prete, grandine, tempeste...

‘O mare cummigliàva tutt' ‘e ccase

e ‘a ggente, nun sapènne cumme fa',

l'anema a Dio s' èva raccumanna'.

Nostradamus, era questo il suo nome,

facètte pure tant'àte previsioni

ca puntualmente se songhe avverate,

pirciò pur'io, ca nun credo a ‘sti ccose,

in qualche modo stongo preoccupato.

Cert' è ca luglio nun è fernùt' ancora

e ‘o pericolo ancora ce pò sta'...

Ma sulo pe' poc'àto - ‘A fin' ‘o mese

putìmmo fa' un sospiro di sollievo:

‘O mare e ‘o cielo se so' state cuiète

e ‘a terra gira senza se ferma'.

Però, a pensarce bbuono, chill'astrologo,

pure senz'azzecca' la previsione

ca ‘o munno èra ferni' entro il Duemila,

in qualche modo s' ‘o ssentèva ‘e scènnere

che in questo primo scorcio del millennio

l'Umanità sarebbe asciùta pazza

e avèsse cumbinàto tanta guàie

contro sè stessa con stupidità.

Facìmmo ‘o cunto: Ddòie guerre mondiali

e ‘n àtu centenàro attuorno attuorno,

rivoluzioni, lotte fratricide

e po', comme si chesto ‘unn'abbastàsse,

‘nu scempio eterno contro la Natura

e le sue leggi (cu ‘a scusa del progresso).

Secondo me, nuie sìmmo troppo fessi,

chisto fosse ‘o mumento ‘e ce ferma'.

‘O buco nell'ozono, gli inquinanti

dint' ‘o mangia', ‘e sostanze cancerogene,

l'aria e l'acqua ca so' contaminate...

Mièttece ‘a coppo ‘a scemità d'‘a ggente

ca se fà ‘nzallani' da tutt' ‘e chiacchiere

ca fanno ‘sti politici incoscienti

che, noncuranti ‘e chisti chiari ‘e luna

pensano sulo a se paparia'.

Sia pure Nostradamus ha avuto tuorto,

pe' cumme stanno ‘e ccose a ‘stu mumento,

l'avvenire d' ‘a Terra è alquanto incerto,

‘e chistu passo, quanto pò dura'?

Il palinsesto di oggi