Dal Mondo

Alcune conseguenze della fortissima scossa

Terremoto in Peru. Centinaia le vittime

16-08-2007

Una violentissima scossa di terremoto causa in Perù oltre trecento morti e circa mille feriti. Le autorità credono che questi numeri siano destinati a salire elle prossime ore

LIMA. Due lunghe scosse di terremoto a distanza di pochi minuti l'una dall'altra hanno seminato ieri pomeriggio morte e terrore in gran parte del Perù: 330 i morti finora accertati e poco meno di mille i feriti. Anche se il numero delle vittime sembra destinato ad aumentare, il sisma di ieri non è fortunatamente dei più catastrofici come quello che colpì il paese nel 1970 e che fece oltre 50.000 morti seppellendo la città di Yungay. Subito dopo le scosse, per Perù, l'Ecuador, il Cile e la Colombia è stato lanciato un allarme tsunami, rientrato dopo qualche ora. L'epicentro del sisma è stato individuato a Pisco non lontano da Ica nella zona costiera.

La prima scossa, con una magnitudo di 7.7 sulla scala Richter, si è verificata a 33 km a ovest di Chincha Alta e a una profondità di 18 km, come ha rilevato l'Istituto Geologico americano (USGS). La seconda scossa ha avuto una magnitudo di 7.5. Gli edifici di Lima hanno tremato per almeno 20 secondi provocando il panico fra la popolazione che è corsa in strada. Molti gridavano, piangevano e si abbracciavano per darsi coraggio. Le sirene delle ambulanze hanno risuonato tutta la notte per le strade della città. L'area più colpita dal terremoto è Ica, località turistica a circa 350 chilometri a sud di Lima, per tutta la notte totalmente immersa nel buio, dove la gente, disorientata ed impaurita per il timore dei gruppi di sciacalli che sono entrati in azione, si è raccolta in zone aperte con le poche cose che ha potuto recuperare dalle case crollate.

Qui è inoltre crollata la chiesa del Senor de Luren mentre era in corso una liturgia religiosa e i soccorritori parlano di eprsone ancora intrappolate sotto le macerie. A ica, e nella vicina Canete, "gli ospedali sono ormai al collasso". Il presidente peruviano Alan Garcia ha dichiarato "l'emergenza ad Ica", ed oggi, dopo le condoglianze espresse alle famiglie delle vittime del terremoto, ha detto che il paese, devastato in passato da altri terremoti, è scampato a una tragedia maggiore. "Fortunatamente non c'é stata una catastrofe con un immenso numero di vittime".

Il palinsesto di oggi