La comunità

Tanya & Llidia Bastianich

Lidia Bastianich: il grand Marshall della Columbus parade

21-08-2007

SARA' LIDIA BASTIANICH, la first lady della cucina italiana, a guidare la tradizionale Columbus Day Parade lungo la Quinta Avenue il prossimo 8 ottobre, a distanza di 13 anni da quando una donna italoamericana indossò l'ultima volta la fascia di Grand Marshal.

Lidia Matticchio Bastianich, da mezzo secolo negli Stati Uniti, ambasciatrice della cucina italiana per milioni di famiglie americane che la seguono dal piccolo schermo, ristoratrice di successo, autrice di libri di ricette e filantropa, sarà la terza donna a indossare la fascia di Grand Marshal che in precedenza avevano portato Sofia Loren nel 1984 e dieci anni dopo Susan Lucci.

È dal 1929 che ogni anno a Manhattan sfila la Parata di Colombo, voluta dalla Columbus Citizens Foundation sin dall'inizio della sua formazione, una giornata dell'orgoglio italoamericano che negli ultimi anni ha fatto presa anche dall'altra parte dell'Atlantico dove viene seguita in diretta televisiva. E a conferma dell'interesse nazionale verso gli italiani d'America si conta la presenza sempre maggiore di istituzioni e gruppi provenienti dall'Italia per la Parade.

"Mi ha colto di sorpresa la richiesta della Foundation di indossare la fascia di Grand Marshal, un onore precedentemente riservato a molti grandi italiani e italoamericani" commenta Lidia, che spiega così la sua vita dall'arrivo sul territorio statunitense.

"Gli Stati Uniti - racconta Lidia Bastianich - mi hanno dato il benvenuto quasi cinquant'anni fa e per me è stata una gioia e un piecere condividere con le donne e gli uomini d'America i segreti della nonna e della mamma in cucina, oltre naturalmente alle ricette più attuali. Sono profondamente grata per l'opportunità che mi è stata offerta nel mio Paese d'adozione e per questo straordinario onore che mi concede la Columbus Citizens Foundation".

"Siamo noi che dobbiamo essere grati a Lidia per aver accettato il nostro invito a diventare Grand Marshal della Columbus Day Parade" risponde Louis Tallarini, presidente della Foundation.

"Basta guardare i suoi programmi in tivù per comprendere perfettamente l'amore di questa donna nei confronti della cucina italiana, della cultura che sfodera durante ogni puntata. E poi ci sono i suoi libri, i suoi articoli letti su tutto il territorio americano, i ristoranti di gran successo e l'agenzia di viaggi mirati, che hanno ispirato un numero inimmaginabile di americani ad esplorare il grande piacere della cucina italiana e le bellezze della sua terra natale. La sua passione per l'arte, la vita, per la gente d'Italia e della sua nativa Istria e per la sua patria adottiva d'America - ha proseguito Tallarini - fanno di Lidia Bastianich la candidata ideale per rappresentare sulla Quinta e al mondo la cultura

italiana e italoamericana".

Lidia Bastianich è nata a Pula in Istria, i suoi nonni avevano una trattoria dove servivano praticamente cibo prodotto da loro, compresi olio e grappa. Nel 1958, assieme al padre Vittorio, la mamma Erminia e il fratello maggiore Franco, la famiglia Matticchio era fuggita dall'orrore del regime comunista del maresciallo Josip Tito, dopo che l'Istria era stata ceduta alla

Jugoslavia durante la II Guerra Mondiale. Inizialmente la famiglia Mitticchio aveva trascorso un periodo in Italia nel campo profughi San Sabba, prima di tornare a Trieste per il visto d'immigrazione negli Stati Uniti dove la famiglia trovò l'immediata assistenza di organizzazioni cattoliche caritatevoli.

Inizialmente la famiglia Mitticchio si stabilì a North Bergen nel New Jersey, nei pressi della fabbrica Chevrolet dove il padre di Lidia trovò lavoro. Ma presto i Mitticchio attraversarono l'Hudson per trasferirsi ad

Astoria, Queens, dove Lidia iniziò a lavorare in una panetteria. Qui incontrò Felice Bastianich, pure emigrato dall'Istria, con il quale convolò a nozze nel 1966 e tre anni dopo, assieme, avviarono il primo ristorante "Buonavia" a Forest Hills, mentre venivano alla luce i figli Jopseph e Tanya.

Ma è nel 1981 che i Bastianich fanno il passo da gigante aprendo il ristorante "Felidia" all'angolo tra la 58th Street e Second Avenue, un indirizzo prestigioso nella ricca Upper East Side di Manhattan per un altrettanto prestigioso ristorante che immediatamente diventa il marchio di

fabbrica. Tanto, che la celebrata James Beard Foundation aveva nominato nel 1999 Lidia "Best Chef in New York" e la guida "Zagat" aveva piazzato "Felidia" tra i migliori ristoranti della Big Apple.

Lidia nel 1988 ha avviato il primo di tre programmi televisivi dedicati alla cucina italiana diffusi dalle televisioni pubbliche d'America, Australia e Canada. È durante i suoi show che la chef si racconta e fa partecipe il pubblico della sua vita, delle sue esperienze personali, mentre prepara qualche manicaretto che magari farà bella figura di sé sulla tavola di milioni di americani. Nelle serie televisive Lidia ama portare in scena anche i suoi famliari. E allora ecco Joseph che illustra la scelta dei vini, Tanya che l'assiste in cucina e anche i nipoti che alle volte aiutano Lidia a raccogliere erbe aromatiche nell'orto.

Con la figlia Tanya Manuali laureata in Storia dell'Arte a Oxford, Lidia nel 1996 ha fondato "Esperienze Italiane", un tour operator di alto livello che organizza itinerari turistico-culturali nel Bel Paese.

Dal 1999 Lidia cura la Foundation intitolata a suo nome, avviata per offrire assistenza a indigenti, abbandonati e oppressi di ogni razza e religione.

Con la fascia di "Ospite d'Onore" in parata sfilerà il ministro della Giustizia, Clemente Mastella, originario di Ceppaloni, una cittadina del beneventano, laureato in Letteratura e Filosofia, che iniziò la sua carriera da giornalista della Rai Corporation, sposato a Sandra Lonardo, presidente della Regione Campania, padre di tre figli.

Una stella della musica invece sarà la "Celebration Honoree": Kara DioGuardi, affermata autrice di canzoni e produttrice i cui brani - tanto per dare un'idea - sono incisi su oltre 100 milioni di album. Kara DioGuardi ha lavorato con cantanti del calibro di Christina Aguilera, Britney Spears, Santana, Jennifer Lopez, Celine Dion, Enrique Iglesias, Anatacia e Eros Ramazzotti. Kara DioGuardi vive a Los Angeles, è laureata in Scienze Politiche presso la Duke University.

La Columbus Citizens Foundation, fondata dall'editore Generoso Pope e dal giudice Samuel Di Falco nel 1929, è una organizzazione non-profit che svolge attività filantropiche e culturali fornendo a studenti italoamericani borse

di studio e grant per il prosieguo degli studi. Durante l'anno accademico 2007-08 la Foundation ha distribuito 887 scholarship per un valore di 2.4 milioni di dollari.

La tradizionale Columbus Day Parade si svolgerà l'8 ottobre ad iniziare dalle 11,45 dalla 44th Street per percorrere la Quinta Avenue verso nord fino alla 69th Street dove si trova il palco d'onore. Sarà trasmessa in diretta fino alle 3 pm dalla Nbc (Ch. 4), da Rai e Rai International.

 

Il palinsesto di oggi