Le poesie

A un'amica lontana

di Nino Del Duca

26-08-2007

Tengo ‘na casa ‘a ‘Merica

ca è proprio ‘nu bisciù,

è chiena ‘e  bben' ‘e  Ddio,

però ce manche tu.

‘Na villa tutta bianca

cu ‘a cancellata blù,

ce stà pure ‘a piscina,

però nun ce staie tu.

Tre bagne, ‘o frigorifero

iènghe mezza cucina,

e dint' ‘o basamento

ce àggio fatto ‘a cantina.

Tutte ‘e buttèglie ‘e vino

ca ce stanno astipàte

m'aiutano a sognarti

‘a quanno m' è lassato.

Tutte ‘o rieste d' ‘e càmmere,

statue, marmi, tappeti,

testimoni di un'epoca...

Mò i' passo e nun ‘e vveco.

Ancora ‘o ppenzo - Tànno

stèvemo sempe ‘nzieme,

ma tu ìre scuntròsa

e me n'è dato pene...

Po' vaco dint' ‘o studio

e guardo ‘nu ritratto

ca pare che mi accusi

d' ‘e fesserìe c'ho fatte.

Quanno stìve cu' mmico

manco me ‘n'addunàvo.

A quanto eri preziosa

io no, nun ce penzàvo.

Sapevo ch'eri mia

e avevo poco cura

di te...contro me stesso.

Quanto so' stato fesso...

Tengo ‘na cas ‘a ‘Merica

‘na vera rarità

ma io ce ‘a dèsse a cagno

sultanto ‘e ‘nu cunsiglio,

a chi sapesse ‘o mezzo

pe' farte  riturna'.

Senza nemmeno dirmi:

"C'ìmma spàrtere..."

Te ne si' gghiùta senza saluta'.

Io invece te vurrìa comme ‘na vota

una cosa cu' mme, ma è un sogno inutile...

Tu m'è lassàto e nun rituòrne cchiù,

mia dolce e ormai lontana gioventù!

Il palinsesto di oggi