L'Articolo

Baldini dopo il calcio

Calcio... Silvio Baldini riceve un calcio sul serio

26-08-2007

PARMA. Una scena probabilmente mai vista a certi livelli, almeno sui grandi palcoscenici del calcio, soprattutto tra allenatori: un tecnico che rifila un calcione nel sedere al collega‑avversario.

Attori Silvio Baldini, 49 anni, toscano, al primo anno sulla panchina del Catania, e Domenico Di Carlo, 43 anni, ciociaro, anche lui appena arrivato al Parma, quello che il calcione l'ha preso. Il tutto davanti al pubblico del Tardini e, peggio ancora per l'immagine, davanti alle telecamere.

Al 38' della ripresa Baldini, un tipo che ogni tanto perde la calma, è stato espulso dall'arbitro Stefanini (toscano, di Prato, anche lui) perché protestava troppo e poi si è attardato a bordo campo per dare le ultime indicazioni ai suoi. Di Carlo gli ha detto qualcosa, magari invitandolo a piantarla e ad uscire, i due si sono mandati a quel paese a vicenda, si sono anche sfiorati le mani protese e poi Di Carlo si è girato per tornare alla sua panchina.

Li è partito lo spettacolare calcione, arrivato a bersaglio sul gluteo destro.

Di Carlo ha accennato ad una reazione poi si è fermato e quindi si è toccato la tempia con un dito, come a dire "quello è matto".

Gioco sospeso per due minuti, con un pò di tensione, poi Baldini è stato accompagnato fuori da uno steward. "Non abbiamo dato un buon esempio ‑ ha detto poi un Di Carlo severo anche con se stesso ‑ ma forse il caldo ha fatto scattare qualcosa di cui vergognarsi. Baldini lo conosciamo, è così. Abbiamo dato un brutto spettacolo a tutti e penso soprattutto ai tanti bambini che ci guardano. Io mi scuso, ma il primo che deve scusarsi è lui. Poi per me comunque finisce qui".

Il tutto è avvenuto in una partita certo non cattiva, anche bella in un primo tempo scoppiettante di gol. E alla fine Antonino Pulvirenti, presidente del Catania, è stato anche protagonista di un abbraccio sdrammatizzante col presidente del Parma Tommaso Ghirardi. Anche lui è stato duro sull'episodio da boxe thailandese ma con la voglia di chiudere la questione. "Certo che Baldini lo multo ‑ ha detto nel'immediatezza ai microfoni di Sky ‑. Sono gesti che nessuno può permettersi, neanche il presidente. Dopo la partita gli ho parlato. Ha sbagliato, è un uomo, può succedere. È stato provocato, si è visto, ma certo ha avuto una reazione esagerata. Mi dispiace, ma l'episodio a questo punto lo circoscriverei. Non va esagerato".

"Penso ci sia da vergognarsi. Se fosse il mio mister lo caccerei. Noi dobbiamo essere un esempio in questo mondo. Se non parte da noi, poi non possiamo dire niente ai tifosi", ha detto poco dopo Ghirardi, trovando questa volta la replica un pò polemica di Pulvirenti: "Non è il suo allenatore. Non mi pare ci siano questi estremi. Non è un gesto bello, la reazione è sicuramente sbagliata e sarà pentito di quello che ha fatto. Non credo toccasse a lui (cioé a Ghirardi, ndr) dire quello che Baldini doveva fare".

Il palinsesto di oggi