I consigli di Laura

Il "Ferrari Day"

23-09-2007

Cara Laura,

sono un italiano di 69 anni. Mi chiamo Giovanni e vivo nel quartiere di Morris Park, nel Bronx.

Il giorno nove di settembre i proprietari di macchine Ferrari di New York e dintorni, con la manipolazione e regia di uno che come me non ha mai posseduto e, a meno di un intervento divino mai possiederà una Ferrari, per il secondo anno consecutivo ci hanno propinato il famoso (per loro) "Ferrari Day".

Nonostante la partecipazione sia stata quasi nulla, fatta eccezione per qualche passante curioso, (molto giovane) che con il cellulare scattava qualche foto, per gli organizzatori è stato un successo che bisogna ripetere ogni anno. Ma facciamo i seri!

Morris Park è un quartiere di lavoratori, o quasi, in quanto, ultimamente si sta riempiendo di gente che vive con l'assistenza pubblica. Con quale criterio è qualificato idoneo a ospitare un evento così ricco e pomposo?

Non voglio pensare che la ragione sia che fra tante Toyota posteggiate le Ferrari spiccano ancora di più!

Cari Ferraristi, grazie a Dio nella vita siete stati baciati dalla fortuna, almeno quella economica, ma per piacere non insultate la nostra intelligenza con questi atti narcisistici. La Ferrari si compra con i soldi, lo stile non è in vendita, quindi non si acquisisce pagando.

La Ferrari è l'orgoglio dell'Italia e degli italiani, non riducetela a fenomeno da barraccone...

Rispettatela e sarete rispettati. Ossequi,

Giovanni

Caro Giovanni, confesso che è la prima volta che sento parlare del "Ferrari Day". Detto ciò vorrei dirle  che capisco cosa vuol dire ma nello stesso tempo deve capire che certe manifestazioni sono utili dal punto di vista economico in quanto probabilmente avranno portato "business"  nel quartiere di Morris Park. Sicuramente alla fonte di tutto ciò c'è del fanatismo e forse, come lei dice, anche del narcisismo. Ma cosa vuole farci, d'altronde io credo che se non si fa del male a nessuno, ognuno è libero di  organizzare quello che crede. Lei cerchi di guardare "solo" il lato positivo dell'avvenimento, cioè quello economico che ha beneficiato il quartiere, per il resto è libero di tirare dritto, senza soffermarsi. Se riuscirà a vincere il fascino delle Ferrari...

Scrivete a: Laura, c/o America Oggi,

55 Bergenline Ave., Westwood, N.J., 07675

Il palinsesto di oggi