Economia

Vini italiani. In continua espansione l'export verso gli Usa

02-10-2007

NEW YORK. Continua a un ritmo sostenuto l'espansione delle esportazioni vinicole italiane verso gli USA che, secondo quanto reso noto dall'Italian Wine & Food Institute, hanno fatto registrare, nei primi sette mesi dell'anno, un incremento dell'11,3% in quantità e del 10,1% in valore. Al contempo, le importazioni di vini australiani hanno fatto invece registrare un ben più modesto incremento dell'1,3% in quantità e del 5,0 % in valore. In continua ripresa, invece, i vini francesi aumentati del 12,0% in quantità e del 6,2% in valore.  Complessivamente le importazioni Usa di vini italiani nel periodo gennaio-luglio 2007 (vedi tabelle) sono ammontate a 1.320.190 ettolitri per un valore di 638,13 milioni di dollari contro 1.186.370 ettolitri per un valore di 579,76 milioni di dollari nel corrispondente periodo del 2006; quelle  dall'Australia a 1.172.980 ettolitri per un valore di 420,19 milioni di  dollari contro 1.157.990 ettolitri per 400,17 milioni di dollari e quelle dalla Francia a 609.600 ettolitri per un valore di 472,93 milioni di dollari contro 544.420 ettolitri e 444,91 milioni di dollari. La nota dell'Italian Wine & Food Institute conclude sottolineando che le importazioni totali Usa sono ammontate, sempre nel detto periodo, a 4.385.230 ettolitri e 2,03 miliardi di dollari, contro 3.892.960 ettolitri e 1,82 miliardi di dollari del corrispondente periodo del 2006 con un incremento del 12,6% in quantità e dell'11,4% in valore.

Il continuo positivo incremento delle esportazioni italiane, nonostante il progressivo notevole apprezzamento dell'euro, costituisce, secondo Lucio Caputo, presidente dell'Italian Wine & Food Institute, un favorevole auspicio anche per il prossimo Gala Italia che, con una formula rinnovata e ampliata nelle sue caratteristiche, si terrà a New York e a Los Angeles il 21 e 25 febbraio prossimi sotto l'alto patronato dell'Ambasciatore Italiano a Washington.

Il Gala Italia, la più importante e prestigiosa manifestazione vinicola italiana, che include anche la moda e l'arte, servirà, secondo Caputo, a dare un ulteriore contributo all'immagine dei vini italiani sul grande mercato Usa.   La  manifestazione, giunta alla sua 23ma edizione, è stata infatti notevolmente ampliata per renderla più consona ai tempi ed alle nuove esigenze degli operatori e del mercato e coinvolgerà anche la ristorazione, i prodotti alimentari, la moda, l'arte ed alcuni dei più emblematici prodotti italiani quali i motorscooters e le auto sportive.

Fra le novità più importanti della prossima edizione della manifestazione vi sarà un più rilevante ruolo per i produttori vinicoli ed alimentari che metterà maggiormente in risalto la loro presenza e l'inserimento nel Gala di alcuni dei più significativi prodotti del Made in Italy quali la moda, l'arte e la gastronomia.  

Una giuria americana composta da ristoratori, "wine editors" e "opinion leaders" assegnerà inoltre al miglior vino di ciascuna casa partecipante una "Gold Medal". La medaglia, appositamente predisposta per il "Gala Italia", sarà consegnata ai produttori all'inizio del Wine tasting da una personalità italiana e servirà ad attrarre anche l'attenzione sul più significativo vino che ciascuna casa presenterà.

Tutte le case selezionate che saranno presenti al Gala riceveranno inoltre un certificato attestante la loro appartenenza alla "Special Selections of the Top Italian Companies". Questo permetterà di migliorare il livello delle aziende partecipanti ed al contempo invoglierà le aziende a presentare i loro vini migliori agli oltre 3.000 operatori e giornalisti degli stati della costa Atlantica degli Usa che da anni sono presenti a quello che costituisce il più importante appuntamento vinicolo italiano negli Usa.

Due impegnativi seminari tecnici-guidati per la stampa precederanno Il Wine & Food Tasting, che costituisce l'elemento portante del "Gala Italia". Il primo, dedicato ai "SuperTuscan", avrà come tema: "SuperTuscan: Sangiovese e Cabernet?"; il secondo presenterà una panoramica dei migliori vini italiani  e sarà dedicato a: "I Grandi Vini Italiani dell'Annata 2003".

I due seminari saranno intervallati da una colazione, predisposta dagli  Chefs di uno dei più prestigiosi e famosi ristoranti di New York, riservata alla stampa settoriale, nel corso della quale saranno resi noti i vini premiati con la Gold Medal che sarà consegnata ai produttori nel corso di un'apposita cerimonia da una nota personalità italiana. Al "Gala Italia" sarà anche ulteriormente potenziata la presenza dei ristoranti italiani e la presentazione dei prodotti alimentari per opportunamente enfatizzare il ruolo e l'importanza che riveste oggi l'alimentazione con l'utilizzo dei genuini prodotti italiani. 

Per dare maggiore risalto a "Gala Italia", durante il Wine & Food Tasting si avrà, grande novità dell'edizione 2008, una presentazione di moda italiana, con abiti, gioielli ed accessori della collezionie primavera-estate maschile e femminile di un notissimo designer. La presentazione, che sarà ripresa dalla televisione, avverrà a quadri su pedane che saranno appositamente allestite nella Grande Broadway Ballroom del Marriott.  Altra novità l'inserimento nel Gala della mostra: "Leonardo e il Divino Licore dell'Uva".

L'esposizione metterà in risalto con lettere, documenti e disegni come Leonardo Da Vinci può essere considerato un esperto enologo del XVI secolo e illustrerà attraverso i suoi scritti il collegamento fra il grande artista e il vino. L'esposizione curata da La Fucina di Leonardo sarà allestita nell'ampia balconata sovrastante la Broadway Ballroom.  Al "Gala Italia" saranno esposti anche alcuni degli ultimi modelli della Ferrari, della Maserati e della Vespa.

 

Il palinsesto di oggi