Le poesie

'O ciuccio pò vulà?

di Nino Del Duca

16-12-2007

Se qualcuno dice: " ‘O ciuccio vola"
‘a ggente che lo sente ‘o rire ‘nfaccia
e poi commenta: "Puverièllo, è scemo
e non capisce - Chi nun tène ‘e scelle (1)
pe' forza ‘nchian' ‘a terra àdda resta'."

Secondo me quell'uomo non è scemo,
è ‘a ggente ca se sbaglia a giudica'
pecchè è abituata a parla' troppo ‘e pressa
e dice ‘e ccose senza ce penza'.

Che ne sapìmmo nuie se gli animali
sognano, come noi, spazi infiniti?
Forse, cu ‘a fantasia, saglièno ‘ncielo,
volano pure lloro tra le nuvole,
immersi nella grande immensità.

Questo per dire che, nel mondo d'oggi,
proteso alla conquista delle cose,
c'è poco posto per i sognatori
che, è risaputo, songhe sempe ‘e primme
a immaginare il mondo di domani,
i precursori di tutte le conquiste
che allietano (?) l'odierna Umanità.    

V'arricurdate quanno ‘a nonna vosta,
nel raccontarvi ‘e ffavole, parlava
di un fatto allora assurdo : - ‘o specchio magico -
che permetteva a chi lo possedeva,
di vedere a distanza ‘o munno sano?

Oggi è una cosa ovvia e naturale
per tutti noi che, mentre la guardiamo,
dicìmmo" " ‘sta TiVu comm'è affliggente,
sultanto ‘e guerre e guai sàpe parla'."

Ognun' ‘e nuie ha liggiùto a Giulio Verne
- I viaggi ‘ncopp'‘a Luna, ‘nfunn' ‘o mare
o sottoterra - Erano fantasie
di un sognatore, e i suoi contemporanei,
pur apprezzando lui come scrittore,
‘o rerèvano ‘n faccia: "Chist'è pazzo,
- dicevano tra loro - chistu Verne
parla di cose che sono impossibili
e ci racconta sulo scemità."

Eppure so' succièse  - Pe' cunchiùrere,
si qualcuno ve dice: " ‘O ciuccio vola",
non giudicate subito; aspettate,
alzate ll'uòcchie ‘ncielo ed osservate
si sponta qualche cosa all'orizzonte.

Quello che adesso a noi sembra improbabile,
può darsi che un bel giorno,  nel futuro,
diventerà reale, o realizzabile,
- e quindi, pure ...'O CIUCCIO PÒ VULÀ.

Scelle = Ali

Il palinsesto di oggi