Le poesie

Tempo di bilanci

di Nino Del Duca

30-12-2007

Finalmente è passato, se n'è gghiùto!

L'anno trascorso è stato malamente:

terremoti, alluvioni, kamikaze,

dièbbete e guaie che, a ripetizione,

tuzzuliàvano ‘a porta ‘e tanta ggente.

 

‘O canario ‘int' ‘a caiòla nun cantava

e i giornali purtàvano ‘e nutizie

di politici inerti e inconcludenti,

di truffe e clamorosi fallimenti.

 

Ma, grazie a Dio, è fernùto e l'anno nuovo

pare ca tène ‘a faccia d' ‘a speranza.

Lo sò, ce stànno tante cose appese

e ancora non è tempo di abbondanza,

ma, almeno in parte, ‘o cielo và schiarànno

e ‘o peggio d'‘a tempesta stà passanno.

 

Ce stànno ‘e conseguenze, se capisce,

quanno vène ‘a tempesta fà rammaggio

ma, dandoci da fa' (ce vo' curaggio...)

‘na strada nova se pò accumincia'.

 

‘Na strada dritta, aperta, luminosa,

addo' ai mariuoli, ai pazzi, agli incoscienti

sarà sempe vietato ‘e cammena',

‘na strada dove sulo ‘a ggente onesta,

alla luce del sole pò passa'.Direte -  chiedi troppo alla sorte,

chesta strada perfetta nun ce stà...

Ma almeno che in partenza non sia storta

cu' troppi fuòsse ca s'hanna scansa'.

 

Gli Italiani, si sà, so' sempe state

ggente ca sà affrontare la realtà,

pirciò quanno se tratta ‘e tira' ‘e somme

pe' fa' ‘o bilancio delle attività

e delle cose che formano il passivo

(‘a Lega, ‘o Cavaliere, i lestofanti...)

so' capaci d'ave' il lampo di genio

che a un risultato attivo porterà.

 

‘Anno nuovo che stà davanti a noi

pieno di dubbi, di perplessità,

nun ce àdda fa' paura - Se noi tutti

lo affronteremo con serenità,

superando le beghe dei  politici,

ridendo ‘e chisti "boss" da operetta,

ricostruendo con fede ed umiltà

la fiducia, il futuro sarà prospero

per un'Italia unita ed operosa,

in un clima di pace e libertà.

 

Oggi è ‘o Primmo, e ‘o canario, tutte ‘nzieme

ha stèse ‘e scelle e s'è mmìso a canta'.

Forse ha voluto darmi il primo annunzio

ca finalmente ‘o sole spuntarrà.

 

 

Il palinsesto di oggi