Le poesie

Il passaporto

di Nino Del Duca Del Duca

13-01-2008

Mò ve ne dico ‘n'ata - Vuie ‘o ssapite
che la BUROCRAZIA, potente e ottusa,
onnipresente negli itali costumi
(...anche quando ti scappa la pipì)
è stata condannata  a ‘a pen' ‘e morte
e che fra poco tempo sarà facile
avere i documenti ca ce servono
rapidamente e senza sbaria'?

No!  Stò scherzando, non è affatto vero.
A ‘sta "piovra" tenace nun l'attièrre,
è un Mostro sacro ca se nutre ‘e carte
ed è, purtroppo, così vivo e vegeto
ca appena ‘o tuocche cerca ‘e t'affuca'.

A un mio amico è succièso, m'aìta credere,
un fatto ca a cuntarlo pò fa' ridere,
ma nell'essenza è pura assurdità.
Lui vive llà, dove pur'io so' nato
e siccome me vo' veni' a truva',
facètte ‘e ccarte p'ave' ‘o passaporto
ca, senz' ‘e chillo, nun se pò sbarca'.

L'impiegato ‘e l'ufficio ‘o smerciàie (1)
e po' dicètte: "Nun v' ‘o pozzo fa',
pecchè le foto c'avìte presentato
mostrano un uomo cu ‘o pizzetto e ‘a barba,
mentre colui che vedo a me davanti,
‘o pizzo ‘o tène, ma ‘abarba nun ce stà".

"E questo che vuol dire? Io so' semp'io,
si teng' ‘a barba oppure nun ‘a tengo..."

"Lo sò, però il Regolamento impone
che io devo accertarmi che il soggetto
sia tale e quale alla fotografia.
‘O passaporto nun v' ‘o pozzo da' ".

"E allora c'àggia fa'?" - "Criscìte ‘a barba
e po' turnàte ‘n'àta vota ccà."

"Ma ce vònno tre mmìse, io cumme faccio?
Me serve mò, io nun pozzo aspetta'..."

L'impiegato pur'ìsso, puveriello,
sapeva che la cosa era ridicola,
ma ‘a legge isso l'aveva rispetta'.
Non sò il discorso come andò a finire,
però il mio amico ancora ‘add' arriva'.

Lo sò che stò calcando un pò la mano,
pecchè bastava cagna' ‘e fotografie,
ma sarebbe costato altro denaro
ed altro tempo senza necessità.

Cos'altro c'è da aggiungere?   Una cosa,
che la BUROCRAZIA com'è non và,
e, cumme s'ausàva p' ‘e surdàte ‘e leva
ca erano scarze ‘e pietto (e quindi inabili)
l'avìmma da' ‘nu verdetto negativo
e, ditto ‘nfatto, ll'avìmma rifurma'.


(1) ‘o smerciàie = lo guardò di traverso

Il palinsesto di oggi