I consigli di Laura

Si sente in colpa per aver mentito al fratello

14-01-2008

Cara Laura,
sono italiano ma vivo negli Stati Uniti da molti anni.
In Italia vivono ancora mio fratello e mia sorella che non vedo da quasi due anni. Sono solito andare in Italia ogni anno, ma quest'anno per diverse ragioni ho rimandato la mia partenza. Così non mi resta che parlare al telefono con i miei fratelli.
Da qualche tempo però le  conversazioni telefoniche con mio fratello sono diventate un problema e ti spiego perchè. Con gli anni mio fratello ha perso un po'  l'udito e devo sempre urlare al telefono per farmi sentire.
Anch'io ho avuto questo problema, ma ho risolto con l'apparecchio acustico. Ho detto a mio fratello di fare lo stesso, ma non c'è stato verso di convincerlo, fino a quando inaspettatamente la settimana scorsa gli ho detto che una persona ha detto che sono più intelligente di lui perchè ho affrontato il problema, accettando di far uso dell'apparecchio.
Lui che è molto orgoglioso e, sentendo questo, ha deciso di recarsi dal medico e di mettere l'apparecchio acustico. Ma io mi sento in colpa perchè ho dovuto dirgli una bugia per convincerlo a fare ciò.
                                                                       Vittorio  


Caro Vittorio,
 tu hai detto una bugia è vero. Ti sei inventato che qualcuno ha detto che sei più intelligente di tuo fratello.  Ma in questo caso il fine giustifica i mezzi. Se hai mentito lo hai fatto per il suo bene, e a quanto sembra hai fatto centro quindi credo che sei giustificato in pieno. Non sentirti in colpa e, soprattutto, non pensarci più  


Scrivete a: Laura, c/o America Oggi,
                                                                                                                                                                55 Bergenline Ave., Westwood, N.J., 07675

Il palinsesto di oggi