I consigli di Laura

Quando si fanno particolarità con le suocere...

18-01-2008

Cara Laura,
sono una signora di 58 anni, madre di due figli e nonna di una deliziosa nipotina che è la luce dei miei occhi. Purtroppo non la vedo molto spesso in quanto mia nuora lavora e, nonostante mi fossi offerta per badare alla bambina, mio figlio e mia nuora hanno deciso per una babysitter. Inutile dirle che la cosa mi è dispiaciuta moltissimo ma, come al solito, non mi sono intromessa nelle loro decisioni.
Mio figlio, con la moglie e la bambina, una volta al mese, viene a mangiare a casa mia. Viviamo a venti minuti di distanza. Giustificano la cosa dicendo che siccome lavorano entrambi hanno bisogno dei fine settimana per sbrigare loro faccende. Una cosa comprensibile.
Cara Laura, ho scoperto, da una comune amica, che mio figlio TUTTE LE DOMENICHE va a cenare a casa della suocera, la madre della moglie. Mi sono sentita una coltellata al cuore. Sono ferita profondamente e non capisco questo comportamento. Mi creda, ho sempre cercato di non impicciarmi mai nei loro affari e di essere sempre a loro disposizione ogni qualvolta ce ne fosse bisogno e questo è il loro ringraziamento.
Mi spiace dirlo, ma sicuramente la colpa è di mia nuora che gli impone di andare dalla mamma per qualsiasi cosa. Il potere della donna sull'uomo! E questa è la fine che noi, povere suocere, facciamo quando abbiamo un figlio maschio...
Angela
Cara Angela,
non sono d'accordo con lei. Il "potere della donna" sussiste solo sull'uomo debole. Il vero colpevole è suo figlio che ha permesso che le cose prendessero questa piega. Un consiglio? Ne parli con lui e le spieghi il suo malumore in quanto anche lei avrebbe piacere di vederli più spesso.


Scrivete a: Laura, c/o America Oggi,
55 Bergenline Ave., Westwood, N.J., 07675


Il palinsesto di oggi