Le poesie

O nonno

di Nino Del Duca

20-01-2008

Mò ca l'Italia è ‘na Nazione ‘nzista
l'emigrazione è un fatto occasionale.
Chi vène ccà, ce vène cchiù pe' sfizzio,
pe' vede'
‘o munno,
o tanto
per cambiare.

Mò gli italiani vèneno redènno,
con le scarpe di cuoio ben lucidate,
fanno i turisti, lucidi
e alliffàti
e chi tène intenzione e se resta'
tiene in tasca l'assegno di papà.

Cert'è ca quanno ‘o nonno mio emigràie,
partètte cu ‘o dulòre dint'
‘o core
e ‘a valigia ‘e cartone arrepezzàta,
ma cu' ‘a certezza ca, cu'
‘e braccia  forte,
faticànno se fosse fatta strada.

E accussì è stato, e ‘o nonno, mò, se guarda
tutte ‘e nepùte sùie, già sistimàte,
cull'uòcchie allère, chìne
‘e cuntentezza,
(Ma cu ‘a vocca ‘nu poco amariggiata,
pecchè so' sangue sùio, sangue italiano,
ma parlano sultanto americano...!)

BUON 84.MO COMPLEANNO NINO!

Il palinsesto di oggi