Le poesie

Mesmerismo* (La storia si ripete)

16-02-2008

Nel Settecento ce stèva un certo Mesmer
che inventò una teoria tuttora nota
e, all'epoca, divenne molto in voga.
Parlava di una cosa (inesistente)
con la quale faceva fessa ‘a ggente.

Fantasticava che tutte le persone
sono in possesso di un fluido naturale
che non ha odore, che non fà rumore,
che non si vede e non si può toccare,
ma dà il potere, a chi lo sappia usare,
di rendere la gente, cu' ‘stu fluido
da lui trasmensso, indenne da ogni male.

Chistu Mesmer, ‘a che era ‘o zi' nisciuno,
divenne ricco, (e si sa bene come...
prima pensava ai soldi e po' ‘a morale),
po' se ‘mmiscàie cu ‘o ceto altolocato,
e siccome ca era assaie loquace,
riuscètte a ‘mpapucchia' gente importante,
finanche il Re (Luigi sedicesimo).
Molti ‘o dèttero credito, e pirciò
del mesmerismo se parla ancora mò.

Lui li metteva in cerchio ‘int' a ‘na stanza,
ognuno cu ‘nu capo ‘e fune ‘nmano,
chill'atu capo ‘int' a ‘na cauràra  (**)
d'acqua piovana...per trasmettere il fluido...
e con toni melliflui e accattivanti,
‘isso l'addubbechiàva a tutte quante.

‘E chilli tiempe,(ma spesso pure adesso)
la gente si faceva infinocchiare
dai tizi che hanno l'arte di imbrogliare.
Ma poi, è normale, prevale la ragione
e si capì che era solo suggestione
d' ‘a messinscena e ‘a ciarlataneria,
create con malizia da una mente
ca apprufittava d' ‘a scemità d' ‘a ggente.

Pecchè v'àggiu parlato ‘e chistu tizio?
Pecchè ‘a storia, talvolta si ripete...
e anche ai nostri giorni c'è qualcuno
che gli somiglia e usa gli stessi metodi
e cu ‘a dentiera in mostra e i modi affabili,
sorride e dice molte assurdità,
si proclama l'eccelso in ogni campo,
l'unico, il sommo, l'entità perfetta...
Ma ormai se sàpe che sono falsità.

Ce vo' gente capace, no pupazze,
per far tornare in cuore la speranza
agli Italiani, che sono sfiduciati
per il divario, ingiusto e esagerato,
tra chi stà bbuono e chi nun pò campa'.

Italiani, pensateci!  Fra poco
deciderete chi àdda cumanna'...
Io spero molto (ma ‘e vvòte ‘a ggente è strana
e cede alle lusinghe ed ai raggiri)
ca ‘a mente ‘e chi, stordito dalle chiacchiere
s'era fatto fa' fesso ‘a chillu llà,
ritorni ancora a ragionare e il voto
dato a coloro ca sanno c'hanna fa'
sarà il suggello che farà risorgere
la nostra Italia, in pace e libertà.

(*) F.A. Mesmer = (1734-1815)
(**) Caurara = grossa pentola

Il palinsesto di oggi