I consigli di Laura

Ha perso la fiducia in questo Paese

12-03-2008

Cara Laura,  
il primo marzo ho letto sulla sua rubrica la lettera del signor Maurizio Buffone. È nato in Italia e dice di essere di origine italiana.
Io sono cittadino americano da 40 anni. Ho preso questa decisione per trovare un lavoro migliore, sicuramente non lo avrei mai trovato. Ho sempre detto di essere italiano e mai americano. La dignità non si compra.
In questo periodo vorrei dare aiuto a mio figlio che sta perdendo la casa e la famiglia. Vorrei dargli 100mila dollari affinché si rimetta in careggiata e possa tenersi la casa e pagare di meno al mese per poter comprare da mangiare ai 3 figli.
L'America di Buffone dice no. Posso dare a mio figlio solo 10mila dollari e sugli altri devo pagare le tasse. Tasse sui soldi che sono miei, sudati, e sui quali ho già pagato le tasse!
Anche io ho perso la fiducia in questa America.
Pasquale Calabrese


Caro Pasquale,
mi spiace moltissimo per la situazione di suo figlio che si unisce ad una enorme schiera di persone che hanno perso o sono sul punto di perdere la propria casa in quanto non riescono più a mantenerla per svariati motivi. Capisco la sua indignazione sul sistema americano  che le impone di dover pagare le tasse su del denaro da lei guadagnato con il sudore della fronte e sul quale, a suo tempo, le ha già pagate.  Quello che però potrebbe fare è consultare un avvocato e farsi consigliare sul modo migliore per cercare di rendere la ... pillola meno amara...

Scrivete a: Laura, c/o America Oggi,
55 Bergenline Ave., Westwood, N.J., 07675

Il palinsesto di oggi