Le poesie

Un risultato strambo

Nino Del Duca

19-04-2008

Ciccio e Vicienzo, quei due cari amici
di cui ho parlato qualche tempo fa
se so' incontrati, come ogni mattina,
dal giornalaio, primma ‘e i' a fatica'.

Nel leggere quei titoli roboanti
coi còmputi finali ‘ell' elezioni,
se so' guardate ‘nfaccia, e ognuno ‘e lloro
nun sapeva ‘a che parte accumincia'
per commentare questo risultato
alquanto strambo, e che vo' significa'.

- Cicci', dimme, cumm' è ‘stu primm'eletto?"

-" Si dice (e pare che sia ‘a verità)
ca da guaglione cantava ‘ncopp' ‘e nnave
e, come tanti, cercava ‘e s'arrangia'...
Po', siccome ca non era un fesso,
capètte ca chi vo' sorde e successo
coi Pezzi Grossi s'adda ammaniglia'.

Lui così fece e, usando le amicizie,
divenne ricco: s'accattàie ‘o Milano,
appartamenti, banche, industrie, azioni,
qualche giornale e tre televisioni.

-"E con questo?... Pur'i' ne tengo ddoje,
e, non per dire, pure ‘o vi-ci-ar!" (1)

-"Cumm' ‘o ssòlito tuio, non hai capito...
Non quelle ca tenìmmo dint' ‘a casa
e sìmme abbituàte a ce guarda',
ma tre stazioni teletrasmittenti
con le quali, se vuoi, convinci ‘a ggente
a farle fa' (addurmènnole cu ‘e chiacchiere)
qualunque cosa, qualsiasi scemità.

Caro Vicienzo mio, così è la vita,
succèdono le cose più impensate...
Ma quello che mi lascia ancora incrèdulo
è ca pure ‘sta vòta gli italiani,
scurdànnese d' ‘a Storia, e le esperienze
di quel "Ventennio" che fu tanto amaro,
hanno dato fiducia, ingenuamente,
a certa gente che, notoriamente
è maestra ...nel fare i propri affari.

Ma forse è stato pure per ripicco
nell'assistere a tutte le idiozie
degli altri candidati che, divisi,
se facevano ‘e scarpe uno cull'ato.

Però hanno esagerato, ed hanno fatto
come il marito, ca pe' se vendica'
d'‘a mugliera ca era ‘na ‘mpechèra,
pe' farle ‘nu dispietto...s'‘o tagliàie.

Credo proprio ca stèveno rurmènno
quegli elettori che emotivamente
hanno dato ‘stu voto strampalato
che porterà l'Italia su una strada
ardua e scoscesa... Ma spero ‘e me sbaglia'

e prego a Ddio ca mett' ‘a mano sòia
e ai nuovi governanti lle dà ‘e lumi
pe' nun farle fa' guaie, spicialmente
mò ca l'Europa guarda con sospetto
a chest'Italia ca ha cagnato faccia
ed ha messo il destino d' ‘a Nazione
dint' ‘e mmane di chi, per l'interesse
ed una immensa e vacua vanità,
se frega ‘e mmane e continua a sbruffunia'.

Il palinsesto di oggi