Le poesie

L'invito

di Nino Del Duca

03-05-2008

Tre matrimonie, quatte Cunumione
e ‘na Crèsema addo' àggia fa' ‘o cumpare,
immaginate chello ca significa
‘stu fatto nel bilancio familiare.

La mia famiglia è molto numerosa,
cugnate, zie, nepùte...ed è normale
ca dint'‘a lista poi, ce avìte aggiungere
gli amici ed i parenti degli amici
ca, si t' ‘e scuorde, sei guardato male.

Quann' arriva la posta e ‘mmiez' ‘e lèttere
vèco ‘na busta dal formato insòlito,
accummèncio a tremma' e mi dico: ‘O ‘i llòco,
che sarrà? Certamente un altro invito"
(Ma in ogni caso, è meglio a gghi' a ‘na festa
che, Dio ci scampi, a qualche funerale).

Nun c'è bisogno ca ve l'àggia dìcere,
vui già sapìte ‘o fatto cumme và,
la moglie afferma: "Ce vo' ‘na vesta nova.
quelle che tengo già me l'hanno viste
ed io ci tengo, si stò ‘mmiez' ‘a ggente,
nun voglio fa' ‘a figura d' ‘a pezzente".

E se il marito obietta: "Ma ‘sti spese..."
lei lo zittisce - "Nun te preoccupa',
tu te miette quel tuo vestito scuro...
è vicchiariello, ma ‘a lavanderia
t' ‘o fà asci' nuovo, e putìmmo sparagna' ".

‘E vvòte faccio ‘o cunto, e mi rallegro
al pensiero che nella parentela
i grandi eventi sono terminati,
chi s'avèva spusa' già s'è spusato
e ognùn' ‘e lloro tène ‘nu neonato.

Poi mi sovviene ca chilli guagliune
ca io pigliave ‘mbraccio pe' pazzia',
mò tènene vint'anne e per ciascuno
ci sarà ‘a festa d' ‘o fidanzamento,
poi verrà ‘o spusalizio e pò ‘o battesimo.
Per cui la lista che credevo al termine,
ricomincia da capo, tale e quale.

Non è che questo fatto mi dispiaccia
 (è ‘a vita che continua), ma,  che saccio,
‘nu poco ‘e sosta sarebbe benvenuta,
...dàteme almeno ‘o tiempo ‘e risciata'!

Così, turnànno da un'altra cerimonia,
questa sera ho pensato; "Finalmente,
gli inviti, pe' chist'anno, so' fernùte".

Ma mia figlia, trasènno tutt'allèra,
ha esclamato: "Papà, che bella cosa!
Si sposa la mia amica Carmelina
e ti ha invitato ,nzieme cu' mammà.
Io debbo fare pure ‘a damigella
e ho già pronta la lista  - Dàmm' ‘e sòrde,
comincerò le spese domattina,
‘a vesta, ‘e scarpe., ‘a cinta, la borsetta,
‘a coroncina ‘e fiori, e, pe' gghi' ‘a festa,
quel giorno aìmm/ affitta' ‘na " limousine".

Mentre ascoltavo la sua tiritera,
tenèvo ‘nu penziero ‘ncap' a me.
Se invece ‘e chisti feste assai pompose
addo' ciascuno "Vo' mèttere ‘a coppo"
facendo sfarzi ca nun putesse fa',
(sale grandiose, a rroba ca se jetta,
e ‘a banda ca te stòna e vòtt' ‘o fummo
che è suggestivo... Te fà penza' all'Inferno
e ai suoi dannati, ma te fà affuca'),
doppo d' ‘a cerimonia dint' ‘a cchiesa
si ritornasse alla semplicità,
raccogliendo gli amici dint' ‘a "yarda".

Qualcheduno sunasse ‘o mandulino,
chi, a mezza voce, ‘ntunàsse ‘na canzone
e tu (senza ‘o penziero ‘e ‘n atu rèbbete)
te gudìsse ‘a serata e ‘o cuncertino,
spezzuliànno tarallucce e vino.


Il palinsesto di oggi