La città

Plainfield. Immigrati nel mirino. Legge Rico. Denunciati i padroni di casa che favoriscono illegali

di Riccardo Chioni

22-06-2008

Plainfield, New Jersey, ovvero: il nuovo campo di battaglia legale contro l'immigrazione illegale e nel mirino finiscono i padroni di casa, denunciati alla magistratura da un gruppo che chiede l'applicazione della Legge Rico contro chi dà un tetto agli immigrati illegali, mentre in città sale la tensione e si moltiplicano atti di violenza contro immigrati.
Un preminente gruppo contro l'immigrazione illegale ha inoltrato al tribunale civile una denuncia contro una società immobiliare di Plainfield sostenendo che va applicata la Legge Rico in quanto i padroni di casa favoreggiano l'immigrazione illegale.
Il fatto costituisce un precedente nell'applicazione della Rico ideata per perseguire soprattutto la criminaltà organizzata come la mafia e gli spregiudicati finanzieri di Wall Street.
La denuncia è stata inoltrata da The Immigration Reform Law Institute, il braccio legale della Federation for American Immigration Reform, lo stesso che in precedenza aveva sostenuto la prima ordinanza municipale contro l'immigrazione illegale adottata dalla città di Hazelton in Pennsylvania e poi quella della città di Riverside nel New Jersey.
Entrambe presto ridimensionate o scivolate convenientemente nel dimenticatoio.
La prima era stata giudicata incostituzinale da un giudice della Pennsylvania e l'altra del New Jersey era stata accantonata dalla stessa municipalità di Riverside in considerazione del fatto che l'impresa sarebbe stata troppo costosa per polizia e per spese legali relative.
Flor Gonzales, alla guida della Latin American Coalition di Plainfield - sostiene che la città è diventata il nuovo teatro di battaglia per il dibattito nazionale sull'emigrazione che non c'è, mentre sale la tensione già in ebollizione a Plainfield con episodi di intolleranza ad iniziare dalla polizia che molla multe ai day laborers in strada in cerca di lavoro alla giornata e poi con episodi di violenza fatti di aggressioni e furti ai danni di immigrati, senza contare che l'agenzia federale dell'immigrazione ha preso di mira con raid la città.
"Sta accadendo il peggio che potesse accadere - sostiene Gonzales -. Si respira aria di inimicizia e irrispettosa nei confronti degli immigrati in questa città. E tutto avviene nel silenzio, perché nessuno ne vuole parlare. Abbiamo bisogno di un grande aiuto".
E le organizzazioni a protezione dei diritti dei migranti lo chiedono agli organi nazionali di assistenza in grado di contrastare la crociata locale contro gli immigrati illegali.
La denuncia chiama in causa l'immobiliare Connolly Properties ed è sottoscritta da un ex dipendente della stessa e da due inquilini di cittadinanza americana. La società Connolly possiede almeno 45 complessi edilizi residenziali nella parte nord del New Jersey e ad Allentown in Pennsylvania.
Ron Simoncini, portavoce di Connolly Properties, si dice incredulo del fatto che sia stata chiesta l'applicazione della Legge Rico ideata per la criminalità organizzata, sostenendo di non poter commentare oltre a causa dell'azione legale.
L'invocazione della Legge Rico contro i padroni di casa costituisce un precedente in quanto nuova stretegia legale che ha trovato campo in diverse parti del territorio statunitense per cercare di rendere la vita difficile agli immigrati illegali, nella speranza che se ne tornino da dove sono venuti.
"Credo sia la nuova tattica, visto che le altre provate in precvedenza hanno fallito - spiega l'avvocato Donald Benson dello studio Littler Menelson che sta seguendo il trend nazionale dell'uso della Legge Rico per contrastare immigrazione e denunciare proprietari di appartamenti.
"Siccome il parlamento di Washington non riesce a trovare un consenso sulla riforma della legge sull'immigrazione, alcuni stati e governi locaoli cercano di colmare il vuoto lasciato a livello federale" aggiunge il legale.
Il Racketeering Inflenced and Corrupt Organization Act, conosciuta come Legge Rico, era stato modellato per combattere la mafia e altre forme di criminalità legate alla finanza, modificata nel 1996 per includere voci riguardanti il traffico di esseri umani e trasporto di immigrazione illegale nel territorio statunitense.
Ora gli avvocati dei querelanti chiedono al tribunale di applicare la Rico in maniera più ampia, da interpretare insomma in modo che includa anche coloro che danno lavoro o un tetto ad immigrati illegali.
Nessuno a Plainfield riesce a spiegarsi perché improvvisamente questa cittadina con 50 mila abitanti è diventata l'epicentro del dibattito sull'immigrazione.
"Non ho la più pallida idea perché sia stata scelta Plainfield e, francamente, questo ha colto un po' tutti di sorpresa" racconta Christian Estevez componente del locale board scolastico e membro del Blue Ribbon Panel istituito dal governatore Jon Corzine in seno alla Immigrant Policy.

Il palinsesto di oggi