Le poesie

Parolacce in libertà

di Nino Del Duca

07-09-2008

Vicie', mò può sfuca' senza paura,
pure si staie p' ‘a strada ‘nmiezo ‘a ggente
nisciuno te pò ddìcere cchiù niente
pecchè ‘na nuova legge ha stabilito
che il turpiloquio non è più reato,
quindi, si tiène ‘o ggenio e l'occasione,
‘na bella scarrecàta  t' ‘a puo' fa'.

Cicci', che dici... Si ‘stu fatto è ‘ovèro
a me me pare ‘na stupidità.
Si parla tanto dell'educazione,
di evitare di dire parolacce
e po' ‘a Legge mi dà il suo beneplacito
e mi permette pure ‘e iastemma'?

Tu mi hai sempre esortato ‘e me sta' attiento
e di badare meglio al mio linguaggio
e mò invece mi sembri compiaciuto,
e chesta legge. - Cerca ‘e te spiega'...

Vicie', non è che sono compiaciuto
(anzi sono perplesso e un po' arrabbiato),
ma ‘stu provvedimento pe' me è giusto
per svariati motivi.  Primm' ‘e tutto
il modo di parlare ‘ell' Italiane
è diventato molto disinvolto,
pure ‘ncopp' ‘e giurnale vedi spesso
parole che facevano arrossire
le nostre madri.  Mò se parla ‘e sesso
e ‘e fatte scuonce in piena libertà,
e il turpiloquio passa inosservato
pecché ‘a ggente tène àto a che penza'.

Po' ce stà ‘n'ata cosa basilare,
lo Stato, ca se ‘mpiccia ‘e tutt' ‘e fatte
e mette ‘o naso in ogni piccolezza,
ora non ha più senso.  Al giorno d'oggi
è diventato un fatto anacronistico,
la gente vuol campare a modo suo,
senza divieti che spesso sono stupidi
ed in contrasto con la Libertà.

Cicci', forse hai ragione, però è brutto
e nun me piace. - Io ‘o tengo ‘stu difetto,
ca si me ‘nquarto, dico parolacce,
ma, ‘ncuorp' a me, io saccio ca è sbagliato...
E invece, chesta legge ch'hanno  fatto
sembra un omaggio alla volgarità.

Vicie', nun è ca lo Stato te l'impone,
ma nun se ‘mporta se sei ineducato,
se tu bestemmi o dici cose oscene                              
non l'interessa, songhe fatte tuòie...

La Legge non può peredere il suo tempo
a imbastire processi e a sciupa' sorde
per giudicare cumme vuo' parla'.

Dice: Ma ciò peggiorerà i costumi ...
ma accussì è ‘o fatto - Che putìmmo fa'?

Per chi (e pur'io) è contro il turpiloquio
e gli danno fastidio ‘e parolacce
(che sono un segno di poca civilità)
ce stà un rimedio ca nun pò falli':
- M'appìle ‘e recchie pe' nun ‘e ssenti'.-               

Il palinsesto di oggi