La comunità

Esce il nuovo CD di Giada Valenti. Il lancio il Columbus Day

di Riccardo Chioni

02-10-2008

NEW YORK. La stampa italiana la paragona a Mina e Ornella Vanoni, quella statunitense l'avvicina a Peggy Lee e Connie Francis per il suo personalissimo stile di interprete europea e per la sua musica: una miscellanea contemporanea di pop e influenze jazzistiche che Giada Valenti ha assemblato nel suo nuovo cd.
Per il lancio del nuovo album intitolato "And I Love You So", in uscita nei negozi di dischi martedì 7 ottobre, Giada Valenti non poteva trovare un palcoscenico più spettacolare della Columbus Day Parade che sarà trasmessa in diretta tivù da Ch. 4 Nbc e da Raitalia.
Nel cd Giada Valenti ha raccolto undici brani sempreverdi, tra cui citiamo quello che dà il titolo all'album e poi "Io che non vivo senza te", "Grande, grande, grande", "La Vie En Rose" e "Io che amo solo te". Una cosa è certa: quando si arriva a casa al termine di una giornata di lavoro e ci si mette all'ascolto del nuovo disco di Giada Valenti, la sua voce e la sua musica hanno il potere di rilassare la mente e immergersi in una dimensione resa ovattata dal calore di canzoni d'autore.
Non a caso Giada Valenti sostiene che essendo lei stessa autrice di canzoni, ha da sempre una sua profonda ammirazione per l'opera di altri autori. "Quando scopro canzoni scritte da altri che per la melodia o i testi mi toccano il cuore e l'anima così profondamente e intensamente che la canzone sembra mi appartenga, mi riempio di emozioni che chiamo la magia della musica". Gli spettacoli che sta portando sui palcoscenici di tutta l'America possono forse apparire tanto diversi, ma se analizzati da vicino, entrambi sono legati all'Italia e all'Europa più in generale.
Uno si intitola "Italian Romance" e il secondo "Tributo alle grandi dive d'Europa: Edith Piaf, Marlene Dietrich, Shirley Bassey e, naturalmente l'intramontabile Mina.
"Anche la meravigliosa La Vie En Rose, che può sembrare solo francese - sostiene Giada Valenti - è legata all'Italia. La canzone è stata scritta da Edith Piaf che era per metà di origine italiana, la mamma era di Genova e dal compositore di origine italiana Louiguy-Luois Guglielmi. È una canzone che interpreto da sempre essendo stata proprio la voce di Edith Piaf che in tenera età mi ha fatto innamorare della musica e mi ha fatto decidere di diventare una cantante". Tra i brani del nuovo cd figura anche "Se" tratta dal film "Cinema Paradiso".
"Ho voluto onorare il maestro Ennio Mirricone" che racconta di avere conosciuto proprio a New York in occasione del suo cocnerto al Radio City Music Hall l'anno scorso.
"Ho anche deciso di registrare nel nuovo cd due canzoni che sono praticamente sconosciute in America, ma che amo da sempre: Io che amo solo te di Sergio Endrigo e La voglia e la pazzia scritta dal chitarrista Toquinho e dal poeta Vinicius de Moraes, entrambi brasiliani, portata al successo da Ornella Vanoni" aggiunge la cantante.
Il cd è stato registrato nello studio Bennett nel New Jersey, sotto la direzione di Dae Bennett, figlio del celebrato cantante italoamericano, in presa diretta come facevano una volta i grandi della canzone Frank Sinatra e Ella Fitzgerald.
Per maggiori informazioni, clip musicali e video, consultare il sito www.giadavalenti.com.

Il palinsesto di oggi