Le poesie

‘O genio ‘e cucenà

di Nino Del Duca

02-11-2008

‘Te l'aggio ditto tante e tanta vòte
ca nun ne vale ‘a pena ‘e cucena',
basta ca vai dint' ‘o supermercato,
ce truòve tutto e ll'ìa sulo scarfa'.

Certo t'ìa cuntenta', non puoi pretendere
cierte pietanze cumm' ‘e ssai fa' tu,
che ssaccio, ‘e puparuole ‘mbuttunàte
o ‘e perciatièlle fatte case e ‘ova,
però, dint' ‘e guantiere surgelate,
si tiene genio e ‘o stomaco ce ‘a fa',
ce stanno pure ‘e ziti già precotti
cu ‘a salsa ‘a coppa...(pare ceralacca,
ma l'etichetta dice che è ragù).

Nel mondo d'oggi che corre veloce
ogni attimo ha un valore sostanziale,
ogni prodotto (...e pure le emozioni)
te l' ìa piglia' già belle e priparàte.
È un perditempo non giustificato,
troppo all'antica, chestu cucena'.

Se vuoi la prova, chiedilo ai vicini,
sono gente evoluta ed aggiornata,
ti spiegheranno che la donna d'oggi
non è più schiava dentro alla cucina,
ma s'interessa ‘e centomila cose
e, pe' tene' ‘a linea, mangia insalatine".

"Già gliel' ho chiesto, e sai che hanno risposto?
-Signo', ce avìta fa' ‘na carità...
Quando voi fate il sugo p' ‘a lasagna,
l'addòre ca se spanne p' ‘o palazzo
e trase dint' ‘e ccase, fà asci' pazze
a nuie, ca iàmm' annanze cu gli amburgher
e, nun tenènn' ‘o tiempo ‘e cucena',
mangiàmmo sulo rrobba al microforno.
Nun pe' ve scomoda', ma qualche gghiuorno,
‘na purzioncella ce l'avìta da',
così, sia pure pe' ‘na vòta sola,
pruvàmmo il gusto vero d' ‘o mangia'.-

- Ma comme,- m'hanno ditto - tène ‘a sciorta
ca vuie tenìte ‘o genio ‘e cucena'
e invece di sentirsi fortunato,
v'ammoscia cu' ‘sta storia inconcludente
dei surgelati e d' ‘a modernità?"






Il palinsesto di oggi