Le poesie

Il nuovo presidente Obama

di Nino De Duca

29-11-2008

Non è ancora al potere e già nel mondo

l'atmosfera sembra più serena.

cumme si ‘na ventàta ‘e primmavera

abbia disperso i nuvoloni neri

che gravavano ed incombono tuttora

sull'incerto futuro che ci aspetta.

Ce vulesse sultanto ‘nu miracolo

pe' farce, in santa pace, risciata'.

Ma pare che il miracolo è avvenuto,

pecchè ‘stu giuvinotto ammartenato,

che sembra uscito da un sogno collettivo,

ci è già riuscito, dicendo cose chiare

e condivise da chi, pe' tutt' ‘o munno

parteggia per la pace fra le genti,

e cerca con discorsi convincenti

‘e sgravuglia' ‘a matassa ingarbugliata

del divario purtroppo troppo esteso

tra chi possiede e chi nun tène niente

Dice: ma allora è ‘nu mastugiorgio?

Vo' cumanna' facènno ‘o prepotente

abbuccànno ‘a valanza ‘a un solo lato?

Da quel che ha dichiarato fino adesso,

(vedremo appresso che è capace ‘e fa'...)

lui vuole un equilibrio ragionato

senza colpi di mano e leggi oscene

fatte a favore di chi stà al potere,

come succede nella nostra Italia

addo' "l'uomo che ride" si auto incensa,

sorretto da una ciurma di vassalli,

che invece di capire la portata

di un fatto che fà Storia, si è permesso

di fare una battuta da cretino

e ci ha fatto coprire di ridicolo

dal mondo intero. Ma che putìmmo fa'?

Fin quando gli italiani nun se scètano

(speriamo presto) da questa ubriacatura,

ab torto collo ce l'avìmma zuca'.

Turnàmmo a OBAMA e alla DEMOCRAZIA

di questa grande terra americana.

La sua elezione è stata un plebiscito

e, sia pure le parti contrastanti

si siano combattute con vigore,

appena è asciùto fòre ‘o risultato,

la fazione perdente l'ha accettato,

senza riserve, senza piagnistei,

anzi NcCain, l'altro contendente,

al primo incontro avuto con OBAMA

gli ha detto, con la faccia sorridente:

"Mio caro OBAMA, sei il mio Presidente!"

È stata una lezione per il mondo

Questo avverarsi del sogno americano

che, senza precedenti e senza vincoli

permette a ognuno, qualunque sia la nascita,

di sentirsi qualcuno tra la gente

‘e addeventa' persino "'O PRESIDENTE"

(‘Na notizia di cronaca che ho letta

e che m'ha dato sfizio overamente:

Per festeggiare il lieto avvenimento,

è gghiùto lui e la moglie, a core a ccore,

in un bel ristorante di Chicago

e alla richiesta: "Cosa preferite?"

[ha le idee chiare pure cu ‘o magna']

egli ha risposto: " Me l'àggio meritato,

purtàte ‘o mmeglio, 'nu pranzo all'italiana!

Il palinsesto di oggi