Le poesie

Festa al consolato

di Nino Del Duca

13-12-2008

Siciliani, friulani, calabresi,
napoletani, sardi, piemontesi,
insomma tutti quanti gli italiani
ca stanno ccà in America luntane,
tenìmmo sempe, ‘nchiusa dint' ‘o core,
l'ITALIA, ‘nzieme al nostro primo amore.

Cominciare così questo discorso
può sembrare retorico e antiquato
solo a chi crede, sbagliando, che alla gente
della sua Patria non gli importa niente.

E invece no. Si pure stà luntana,
‘a vulìmmo assai bene overamente
e, purtroppo, mò stàmme preoccupati
per molte cose ca vanno malamente.

Ma abbandoniamo la malinconia,
non è opportuna, è ‘na jurnata ‘e festa,
e io mi sento felice, quando posso
gioire, assieme alla Comunità,
nell'onorare tanti amici illustri.
(Sono commosso - forse sarà l'età!)

Per gli italiani ca càmpano in America
la vita certe volte è complicata
da qualche cosa ca s'àdda risolvere,
che sò, ‘na vecchia pratica arretrata,
‘nu documento c'ha perduta ‘a via,
o la pensione ca, parola mia,
io nun me pozzo mai capacita'
pecchè ce mette tanto p'arriva'.

Per risolvere tutti ‘sti problemi,
la gente cosa fà? Và al Consolato
con la speranza ca, dint' ‘a ‘nu lampo,
ogni faccenda è bella e sistemata
e v'àggia di' ca, da quanno è arrivato
‘stu giuvinotto colto e raffinato,
ogni cosa funziona a meraviglia
e ogni richiesta, anche se complicata,
viene risolta ‘a ‘nu mumento a ‘n ato.

Biàto a ìsso... È giovane e avvenente,
ma è accussì luongo che per dargli un bacio,
le sue ragazze hanna piglia' ‘o scaletto!
Nun è napulitano, ma ‘un fà niente
(fra tante sciorte, chesta l'è mancata)
ma nuie ‘o vulìmmo tantu bene ‘o stesso,
pecchè è accussì affabile e alla mano
ca te passa qualunque soggezione...
(po' te fà fesso e tu nun te n'adduòne).

Nel celebrare questo avvenimento
mi viene in mente che qualche tempo fa,
ccà stève succerènno ‘nu scatascio
pecchè a qualcuno le venètte in mente
(pe' sparagna') ‘e ‘nzerra' ‘stu Consolato.

Ma San Gennaro mettètte ‘a mano soia:
"Amici, nun v'avìta preoccupa'-
Egli esclamò - Si pure àggia fa' ‘o pazzo,
m'appìcceco cu ‘e diavule e cu ‘e Sante,
ma ‘o Consolato nun se mòve ‘a ccà".
E accussì succedètte, ed oggi, insieme,
noi festeggiamo questa promozione
ca, mò ‘nce vo', ci dà soddisfazione.

Signor Console, La prego di scusarmi
se ho scherzato con tanta confidenza,
sò che ho parlato troppo, ma il finale,
dàteme ‘o canzo pe' fforza l'àggia fa',
quindi concludo augurando all'Italia
e a ‘sta grande Nazione che ci ospita
e che cj ha dato pane e Libertà,
un Futuro cu' ‘a faccia ‘ell'abbondanza,
senza problemi, sena ce ‘ntusseca'.
Sono ottimista. Speràmmo ca dimane
‘o Sole caccia ‘e nnuvole d' ‘o cielo
e risplenda su un mondo pi· sereno
nel quale regni una vera fratellanza
e vi sia pace per l'Umanità.

Il palinsesto di oggi