Le poesie

Una storia d'oggi 'A droga

di Nino Del Duca

18-01-2009


Voglio cunta' ‘na storia piccerella,
‘na storia usuale ‘e chisti tiempe ccà,
‘na storia ovèra, e tène ‘nu finale
ca nun è allèro, e ce ‘adda fa' pensa'.

Ce stèva ‘nu guaglione ammartenàto
ca ‘e fèmmene ‘e ffaceva suspira';
addo' passava ce passava ‘o sole,
‘e figliulèlle ascèvano da ‘e ccase
sulo p' ‘o sfizio d' ‘o pute' guarda'.

Campàva allèro e parèva ca ‘a vita
surtanto gioie l'avessa avuto da',
ma se fidava tropp'assaie d' a ggente
ca cierti  vvote è cchiena ‘e ‘nfamità.

E fùie ‘a ‘na festa: ‘na signora scicca
cu' troppi sordi e niente a che sbaria'
le dicette: "Dài, prova chesta droga,
te saglie ‘ncielo e nun te fà pensa'".

"Meglio ca no, signo'... chesta fà male
e m'hanno ditto ca, a ‘nu poc' ‘a vòta,
te distrugge ‘a salute e ‘a dignità".

‘A signora ‘o guardàie con ironia
ed aggiunse: "La droga oggi è di moda,
‘na vòta sola nun te pò fa' male,
vieni cu' me, te faccio cunsula'..."

E ‘o povero guaglione ce cadette...
Isso maie se putèva immagina'
ca ‘a droga è ‘nu serpente tentatore,
ca t'arravoglie cu mille lusinghe,
t'astregne e se fà doce, e nun se fà lassa'.

...E doppo poco addeventàie ‘nu schiavo,
iève arrubbànno pe' s' ‘a prucura',
addeventàie ‘nu verme, ‘nu malato,
e ‘a ggente autàva ‘a faccia disgustata.

L'avevo ditto ch'era triste ‘a storia...
ma avìmma truva' ‘a forza d' ‘a cagna'.

Dint' ‘e famiglie, nmièze ‘e banche ‘e scòla,
‘ncoppa ‘a fatica, ovunque regna ‘o male,
ce avìmma ribella', facènno ‘a guerra
a chiunque stà ‘mmiscàto nmièze ‘a droga,
‘sta piaga immensa ca distrugge ‘a vita.
L'avìmma piglia' ‘e faccia, senza scrupoli,
si vulìmmo salva' l'Umanità.

Il palinsesto di oggi