Le poesie

La bellezza

di Nino Del Duca

08-02-2009

Io stavo chiacchierando con mia moglie,
spettegolando sui nostri conoscenti
e, tutto ‘nzieme, lei fece un commento:
"Quel tuo amico, Vincenzo, è ‘nu bell'ommo".

La cosa mi sembrò piuttosto strana
perchè mia moglie è avara ‘e complimenti
e ‘a Vicienzo ‘a bellezza stà luntana:
è di bassa statura, tèn' ‘a panza
e ‘o naso a palla, comm' a  ‘na patàna.

Per cui le dissi: "Penso che hai sbagliato;
forse ti riferisci a Giovannino,
lui sì è un bell'uomo, è alto, ben piantato
e veste sempre come un figurino."

"Come al solito tuo - lei mi rispose -
tu dici ‘e ccose senza ce penza'.
Io non parlavo d'a bellezza fisica,
nun me ne ‘mporta, ce stà o nun ce stà.

Vorrei ca me spiegasse chistu fatto:
‘A ggente dice ca si' brutto o bello
basandosi su che? Io non capisco;
si ‘nu naso è rotondo o è fatto a pizzo,
abbasta ca funziona e sente ‘addore,
me lo sai dire che differenza fà?

Pe' qua' raggione ‘na perzona secca
fosse cchiù bella ‘e ‘n'ata bene in carne?
‘Na cammìsa pulita e ‘a barba fatta,
‘nu parla' onesto e ‘nu surriso allèro
te tràseno int' ‘o core e ‘int'‘e penzière...

Invece il tizio che si pavoneggia,
credendo ( a torto) che le sue fattezze
lo fanno degno ‘e se senti' ‘nu masto,
è solo fatuità, senza sostanza.
Quanno ce lièv' ‘e penne, a ‘nu pavone,
‘a sotto che ce truove? ‘Nu pullasto!...

La bellezza esteriore è passeggera,
quello che conta è ‘a personalità.
La ricchezza esteriore è passeggera,
quello che conta è ‘a personalità.
La ricchezza interiore e i sentimenti,
cheste so' ‘e ccose ca s'hann' apprezza'.

L'Umanità non è costruita in serie,
ce stanno ‘e luonghe, ‘e curte, ‘e sicche, ‘e chiatte...
Pregi e difetti a ognuno puo'  truva';
la bellezza è un concetto da discutere,
con quale metro s'avessa misura'?

A ‘nu Watusso, luongo cchiù ‘e dduie metre,
‘nu pigmeo le pò pare' ‘nu nano,
però p' ‘o pigmeo (più o meno ‘nu metro)
chistu Watusso è come un mostro immane..."

Certo ha ragione lei, non c'è che dire,
la bellezza è ‘na cosa controversa.
...Però, quando cammino e, per la strada,
passa qualche signora ben fornita
degli attributi che ondeggiano al suo passo,
non mi soffermo sui problemi di etica,
ma la seguo con gli occhi e, lo confesso,
(anche se è poco serio alla mia età...)
Io avòto ‘a capa arrèto p' ‘a guarda'!



Il palinsesto di oggi