Le poesie

"Orgoglio" materno

di Nino Del Duca

28-02-2009

"Donna Carme', buongiorno... Cumme state?
Ve veco cu ‘na faccia sorridente.."

"C'è il motivo, cumma'.. Ha telefonato
‘a figlia mia cchiù grossa, Cuncettina.
M'ha ditto che le cose vanno bene
e, fra non molto, s'accatta ‘nu quartino."

"Bbiàta a essa! Ma cumm'è ‘stu fatto?
‘E sorde ‘e ttrova ‘n terra, o chi c' ‘e dda?"

"Cummara mia, ‘a storia fosse longa,
ma, facènnola breve, eccola qua:
Mia figlia, non per dire, ‘nci ha il diploma
e ha trovato un lavoro lucrativo:
fà ‘a segretaria con un avvocato
che le dà un buon mensile. (È ‘nu brav'ommo,
peccato ca ‘a mugliera l'ha lassato...)

Quando andàmmo a parlare per il posto,
lui disse chiaro: La mia attività
richiede la presenza ininterrotta
di una persona ca me stà vicino
in ogni circostanza, juorno e notte,
e, spicialmente quando sono in viaggio,
‘a segretaria nun m'adda manca',
voi mi capite, ‘e lettere ‘a detta'...

Mio marito, ch'è ancora un po' all'antica,
sentènno ‘sta proposta s'offendette,
se ne voleva andare, là  ppe' llà,
ma io ‘lle ricètte: - Fèrmati... Sì pazzo?
Chesti fìsime toie so' antiquate.
Cu ‘a penuria ‘e lavoro che c'è in giro
(‘a ggente fanno " ‘e vùte" p'ave' ‘o posto!...)
Te pare ‘o caso ‘e ‘sta' a sofistica'?-

Chist'avvocato la tratta molto bene,
s' ‘a porta sempe appriesso (mò a New York,
mò a Parigi, mò a Londra...) e ad ogni viaggio
le fà sempe regali ‘e qualità,
(mò ‘a pelliccia, mò ‘aniello, mò ‘o bracciale...)
‘nzomma, nun se pò proprio lamenta'.

‘O stipendio l'astìpa, nun ‘o spenne,
pecchè ogni cosa ‘a pàva l'avvocato,
pirciò, cu ‘e sorde ca s'ha conservato,
‘stu quartinièllo,  mò, s' ‘o pò accatta'.

Con la sua professione, ‘a figlia mia,
stà avènn' overamente ‘a bbona sciorta,
e io, cumme mamma, m'aggia rallegra'!        

E ‘a figlia vosta?  ‘A tiempo nun ‘a vèco,
l'ha truvato l'impiego? Cosa fà?
O puramente già s'è mmaretàta?"

"Allo stato civile è SIGNORINA
ma, per fortuna, ci ha un fisico aggraziato,
e, come dire, lo sà valorizza'...

Fà ‘a stessa "PROFESSIONE" ‘e vostra figlia,
però io lo dico senza cagna' ‘e carte...(1)
In due parole...
pur'essa fà ‘a PUTTÀNA!"

(1) senza cagna' ‘e carte = senza falsare la verità

Il palinsesto di oggi