Le poesie

Pensioni differenti

di Nino del Duca

15-03-2009

Stare "a pensione" è una gran bella cosa

pe' chi stà in condizione ca ‘o ppò  ffa',

in un bel posto, con la "vista a  mare"

...'a cameriera te porta ‘a colazione

poi, dopo la lettura del giornale,

ièscie e te fai ‘na bella cammenàta,

nel pomeriggio, ‘o ppoco d' ‘a cuntròra...

‘Nzomma, ‘na vita quasi da Pascia'.

Invece, pe' chi vive "cu ‘a pensione"

‘o fatto è totalmente differente,

a ogni piccola spesa ti ha sta' attiento,

‘e sorde tutt' ‘o mese hanna abbasta'.

Però, pure accussì, si sai fa' ‘e cunte,

‘e ‘na manèra o ‘e ‘n'ata, puo' campa',

starrànno certamente assai cchiù peggio

quelli che,  in un futuro non lontano,

fattisi anziani nun ponno fatica'.

Mi spiego: da statistiche recenti

risulta che per ogni pensionato

ce stà una perzona ca fatica,

e quindi è lui ca l'hadda da' a mangia'.

Fra non molto, se questa è la tendenza,

ogne povero giovane, ‘a matìna,

s'hadda fa' ‘a croce e s'hadda da' da fa'

a lavorare, non solo per sè stesso,

ma per tre quarti dell'umanità.

Io credo ca ‘sta cosa nun funziona:

‘Stu povero guaglione, comme fa?

Tre quarte e ggente ca nun fanno niente

e isso sulamente a fatica'...

Perciò io temo che per rimediare

ai problrmi di un mondo ormai intasato

da troppi vecchi (e sovrappopolato...)

qualcuno adotterà la soluzione

di abolire del tutto la pensione.

‘E viècchie, nun tenènno cumme fa',

si scioglieranno come sabbia al sole,

riposeranno in pace... all'Aldilà.

Io, pe' tramente, me faccio ‘na grattata...

È sempre meglio fare il pensionato

che il deceduto, dicìmm' ‘a verità...

Essere ricco e morto, a che me serve?

Si pure la pensione è insufficiente,

me resta sempe ‘o sfizzio d' ‘o campa'!

 

Il palinsesto di oggi