Le poesie

25 Aprile

di Nino Del Duca

26-04-2009

Io tenèvo vint'anne, e ‘a ‘na semmàna

stevo mangiànno sulo turz' ‘e mele,

ma chillu juorno me scurdàie d'‘a famma.

‘O cielo, ‘e strade, tutto attuorno a me

tenèva ‘n'aria ‘e festa e pure ‘a ggente

cu ‘e facce sorridenti e ll'uocchie allère

cantàvano e facèvano ‘e rucielle:

"È fernùta..., è fernùta, siamo liberi!"

Me tremmàvano ‘e ccosce.  - L'emozione

e ‘a famma me facèvano piega',

ma chill'ùrtemo muorzo ‘e mela acèvera

me parette ‘nu balsamo, era doce,

era un sapore nuovo, mai provato,

"era il sapore della LIBERTÀ".

Mò ca stò scarzo a diente, ogne matìna

io mi domando: "che m'àggia mangia'?"

Però, ‘na vota all'anno dico: "Niente,

voglio sulo ‘na bella mela acerba.

Oggi ne abbiamo 25 aprile,

è ‘na jurnàta ca nun se pò scurda'".

Ogni italiano degno ‘e chistu nomme

solennemente l'àdda celebra',

‘sta data è il giorno che segnò il riscatto

dall'oppressione e s'àdda festeggia',

mò specialmente ca cierta strana ggente

‘sta ricorrenza ‘a vo' minimizza'

e mi rallegra che anche SOR BERLUSCA,

dopo tant'anni ‘a vo' solennizza'.

Io ‘a festeggio accussì: mangio ‘na mela

fatta a fettine (mò a muorze nun è cosa...)

che mi riporta in bocca tutt' ‘o ddoce,

associato ad un evento che oggi è "storia"

e nel cuore la gioia di quel gran giorno

che ridiede all'Italia ‘a Libertà.

 

Il palinsesto di oggi