Le poesie

Meglio Topolini

03-05-2009

Io vulesse sape' pecchè, ogne sera,

all'ora ‘e cena, m'àggia ‘ntusseca'

con il telegiornale.  È come un vizio

ca, pur volendo, nun t' ‘o puo' lleva'.

Sia pure la giornata è gghiùta liscia

e ogni cosa è filata a perfezione,

appena appiccio la televisione

vene ‘o mumento d' ‘o ‘ntussecamiento,

ca, quase quase, ‘a turnarrìa a stuta'.

Me trovo ‘nnanze all'uocchie chelli scene

di bambini stracciati ed affamati,

di conflitti perenni in ogni luogo

e quelle eterne facce che ti fanno

sempe ‘e stessi discorsi, e ognuno ‘e lloro

pare ‘nu santo che parla di giustizia,

di comprensione, di democrazia...

Ma po', al costrutto, chello ca te resta,

sono parole.  - I fatti?... E chi t' ‘e ddà?

Ogne tre e quatto ‘n'ata conferenza

fra tutte ‘e capezzune ‘e ogni nazione

e ognuno dice: "Solidarietà"

però nisciuno mette ‘e mmane ‘a sacca

per far cessare tutta l'ingiustizia

che c'è nel mondo e ca ‘o pò fa' scuppia'.

Nuie, bene o male, mangiàmmo tutt' ‘e juorne

e ce lagnamme d'ogni piccolezza,

che sò, ‘a pasta era molla o ‘a carne tosta,

e nun pensàmmo maie ca, ‘ncopp' ‘a terra

cchiù assaie ‘e ‘nu tierzo del consorzio umano

o stà digiuno o a stiento pò mangia'.

Dice: "Ma nuie ce l'ìmmo faticato

quello che abbiamo, tu a chi vuo' scuccia'..."

E questo è giusto, ma... pienz' a chill'ate,

senza un aiuto, cumme pònno fa'?

Da qui nasce il motivo ‘e tutt' ‘e storie

che affliggono l'intera Umanità:

- Chi tène se ne fotte ‘e chi nun tène -

senza capi' che, iènno ‘e chistu passo

ai derelitti l'arriva ‘o sanghe all'uocchie,

te danno ‘ncuollo, e p' ‘e pute' ferma',

và a ferni'ca succère ‘o scatafàscio

e, ‘e conseguenze, t' ‘e puo' immagina'...

Ce stesse ancora tiempe ‘e fa' qualcosa

ma, a quanto pare, ‘a voglia nun ce stà

e ‘a Conferenza chiuderà i lavori

coi soliti proclami d'occasione

senza sostanza e senza effetti pratici

e io, nel pensarci, me sento ‘e ‘ntusseca'.

Àggio deciso, da domani in poi,

nun voglio guarda' cchiù ‘e telegiornali,

ma passerò il mio tempo molto meglio

‘nzieme al mio nipotino ca stasera

m'ha ditto: " ‘O no', te veco amareggiato

e me dispiace... ma stàmme a senti',

tengo ‘nu bellu film ‘e Topolino,

‘o vuo' vede' cu me?" - Ho risposto: "Si".

 

Il palinsesto di oggi