Le poesie

‘E Puparuole

di Nino Del Duca

17-05-2009

I provvedimenti razzisti dei politici al potere, sono ripugnanti e pericolosi.  Noi tutti apparteniamo alla specie umana ed abbiamo gli stessi diritti.  I pregiudizi razziali generano odio tra i popoli e ne compromettono la pacifica convivenza.Dedico questa poesia al Presidente Silvio Berlusconi sperando che lui la possa leggere.

Ogne matìna, quando esco d' ‘a casa,
passo pe' ‘na putèca ‘e fruttaiuòlo.
Stà all'angolo d' ‘a strada e tène spasa
frutta e verdura in bella mostra, ‘a fora.

È ‘na festa pe' ll'uocchie, sta putèca,
so' mille tinte, tutte in armonia,
ma chella ca cchiù attira l'attenzione
è l'esposizione ‘e tutte ‘e puparuole.

Quanta culùre: russe, verde, giallo...
Tutte ‘nzieme sò comme ‘na pittura,
ogne tinta s'accorda cu' chell'ata.
Ognuno ‘e ‘nu colore differente,
ma stanno bbuone aunìte, cumme frate.

E io penzo (e me fà male ‘stu penziero)
pecchè l'Umanità nun è accussì?
Pecchè ce appiccecàmme inutilmente?
"Tu si'russo! Io so' verde! Chillo è giallo!"
trasfurmànno in tragedie ‘e ccose ‘e niente...

Nuie stammo tutte dint' ‘a stessa cesta,
(‘ncopp' ‘a ‘sta terra ca se stà sfasciànno
pecchè ‘a trattàmmo troppo malamente)
e invece ‘e ce fa' bbona cumpagnia,
gudènnece ‘o miracolo d' ‘a vita
ca Dio ce ha data pe ce ‘a fa' campa',
ce guardàmmo ‘e travierso uno cull'ato,
cercànne ‘e mezze pe' ce ‘ntusseca'.
L'avèssema capi' ca simme eguale,
farce capace ca ‘a sementa è ‘a stessa,
e accussì cumme stanno ‘e puparuole,
dint' a ‘na sporta: un'armonia ‘e culore,
ce avèssema scurda' d' ‘e preggiudizie,
e campa' ‘nzieme in pace e fratellanza...
(e pe' nun fa' ferni' ‘e scassa' ‘sta cesta,
trattànno ‘a Terra cu ‘nu poco ‘e criànza!)

Il palinsesto di oggi