Le poesie

Oggi insieme

di Nino Del Duca

30-05-2009

OGGI INSIEME - È una frase semplicissima

fatta di due parole solamente

che sintetizza, senza sciupa' ‘o fiato,

chilli belli discorsi, luonghe luonghe,

che quando gli oratori li pronunciano

hanno l'effetto peggio ‘e ‘nu sonnifero

e, pure allerta, fanno addurmi' ‘a ggente.

 

Quante cose vo' dìcere ‘sta frase...

Ma certamente ci sarà qualcuno

che, con molto sussiego e sufficienza,

obiettando dirà: "Ma che vo' dìcere?

Ce manc' ‘o verbo e nun ce stà ‘o suggetto,

è soltanto un binomio poco chiaro

da completare con parole acconce

pe' fa' capi' che vo' significa'".

 

Però io penso ca nun è necessario

aggiungere nient'altro. Dire "INSIEME"

già significa tutto: Fratellanza,

Amicizia, Rispetto, comunanza

di intenti per raggiungere uno scopo

(e quando ‘o scopo è giusto ed importante

fanno amicizia pure l'acqua e ‘o fuoco).

 

OGGI, cioè a quest'ora, a ‘stu mumento

che l'Italia ha bisogno di guarire

dalle pene c'‘a stanno martoriando,

tutti, e nuie pure ca campammo all'estero,

dobbiamo aiutarla a fa' ‘a convalescenza,

consigliandole un cambiamento d'aria.

 

Cumme dìcene ‘e mièdeche ‘e malate?:

"L'aria che respirate non vi giova,

è assai inquinata, piena di detriti,

e ogni tanto s'alza un polverone

ca cummoglie ‘a munnèzza (‘a vecchia e ‘a nova...)

 

Pigliàte ‘a scopa e, un'anema e curaggio

facìte un repulisti generale,

mettìte ‘o ffuoco tutt' ‘e cianfrusaglie

ed i residui sporchi che vi opprimono

...sulo accussì ve putite sana'".

OGGI INSIEME!- Ma pure nel futuro

dobbiamo stare insieme il più possibile.

Noi, che dal niente aìmmo creato fabbriche,

commerci, aziende ‘e prima qualità

e, sconfiggendo pure l'ignoranza

(mò ‘e figlie nuoste so' mièdeche, avvocati,

gente che conta nella società),

dobbiamo dimostrare a chi, in Italia,

ancora dice: "I poveri emigranti..."

(e po' se fà ‘na resatella ironica)

che noi siamo una parte assai importante

di quella Italia (dell'Italia onesta)

ca faticànno realizza i propri sogni

e sà guardare in faccia alla realtà.

 

Oggi, ‘nzieme, nuie avìmma fa' ddoje cose:

solennizzare ‘a Festa d' ‘a Repubblica

che ci ha riuniti per la ricorrenza,

rassicurando chi La rappresenta

che il nostro amore (non sempre ricambiato...)

non è mutato - È sempe ‘a Mamma nosta!

 

Poi dire chiaro a tutti i "Maste ‘e festa"

dell'allegra politica italiana,

di smetterla ‘e parla' sulo a vacante

e affrontare i problemi seriamente

per rinsaldare i vincoli che uniscono

noi tutti, eredi di un antico popolo

che ha dato al mondo bellezza e civiltà.

 

Ed ora, come vòle ‘a tradizione,

alziamo in alto i calici e brindiamo:

- all'ITALIA, augurandoLe un futuro

colmo di bene e di prosperità,

- a ‘sta grande Nazione che ci ospita

e che ci ha dato ‘o ppane e a libertà...e

 

- a tutti noi, speranno ca dimane

‘o sole cacce ‘e nuvole d' ‘o cielo

e risplenda su un mondo più sereno

nel quale regni una vera fratellanza

e vi sia pace per l'Umanità!

 

Il palinsesto di oggi