La comunità

Cena con ballo per il Club Ribera

di Antonino Ciappina

08-06-2009

Presso "L'Affaire Fine Catering", ristorante di lusso di Mountainside (N.J.), ha tenuto di recente il suo banchetto ballo annuale il "Ribera Italian American Cultural Center", che ha la sua sede al n.416 Palmer Street, in Elizabeth (N,J.),
Elizabeth sorge in una zona che venne venduta dagli indiani ai colonizzatori europei (olandesi) nel 1664. Fu residenza del Governatore Philip Carteret. L'Assemblea Statale (Parlamento del New Jersey) vi tenne le sue riunioni dal 1668-al 1682. Ivi venne fondato nel 1746 l'ateneo che si trasferì in un primo momento a Newark 1747 e poi si sdoppiò a Princeton 1748. Fu suo rettore Woodrow Wilson, che fu 28.o presidente degli USA (1913-21). A lui si deve la fondazione della Yugoslavia (terra degli slavi del sud), i cui staterelli vennero riuniti alla fine della Prima Guerra Mondiale, ripristinati dopo la Seconda Guerra Mondiale, con parte del territorio italiano perduto per  ripicca contro l'Italia del primo ministro britannico  Winston Churchil e del suo ministro degli esteri Anthony Eden.
Ribera, la cittadina da dove provengono originari ed oriundi che militano tra le fila del "Ribera Italian American Cultural Center", si trova in Provincia di Agrigento, la città famosa per i Templi Greci, rimasti fino ad oggi; scampati prima all'ira degli iconoclasti., dopo a quella dei musulmani (che invasero la Sicilia nell'831 e vi rimasero fino al 1141, cacciati via dai Normanni.
Perche' si chiama Ribera?  A quel che pare stante la posizione tra due corsi d'acqua; due fiumi: Verdura" e "Magazzolo": gli sarebbe stato dato dal signore del luogo al tempo dell'occupazione borbonica, Don Luigi Moncada, appunto perchè fra i lidi, i litorali, la battigia a ridosso della quale scorrono i due corsi d'acqua cennati. Prima si trattava di un latifonmdo con diversi nomi di riferimento; le sue arance ricercatissime ancora oggi; fra le migliori dell intera Sicilia.
Ciò premesso, la domanda: da chi e quando venne fonfato il Centro Culturale Italo Americano Ribera? Da immigrati di Ribera, con lo scopo comune di  quasi tutti i sodalizi italoamericani: il mutuo soccorso e conservare gelosamente usi e tradizioni, la lingua, la religione; difatti, la Festa di San Giuseppe è ogni anno nel calendario del centro; si celebra, appunto, il 19 marzo l'anno di fondazione è il 1923, a quanto ci ha fatto presente l'attuale presidente Pietro Agliata, e la sua sede fu inizialmente lungo la Third Avenue, in Elizabeth. Quindi, il sodalizio esiste da ben ottantasei primavere.
Pietro Agliata ci ha gentilmente informato che il sodalizio vanta un gesto che sa tanto d'amor di Dio ed amor di Patria. Dopo la seconda guerra mondiale, ci diceva Pietro Agliata, i riberesi d'America vennero a sapere che v'erano in paese molti orfani, i loro genitori vittime del flagello bellico. Ebbene, ai primi degli anni ‘50 veniva inaugurato in Ribera un orfanotrofio per accoglierli, costruito in paese con rimesse degli emigrati e discendenti di emigrati.
Adempiuto l'impegno di solidarietà con la terra d'origine, cosa han fatto i riberesi? Hanno costruito una nuova sede, che è stata inaugurata il 21 settembre dell'anno scorso; sorge al n.416 Palmer Street; sorge su una superficie di 4000 piedi quadri; circa 333 metri quadrati, sui quali s'ergono: Una sala ricevimenti, una sala dopolavoro/giochi; una sala ufficio amnministrativo/caffè; servizi vari; intorno parcheggio.
Oltre a celebrare la Festa di San Giuseppe, il sodalizio celebra ogni anno una scampagnata o picnic; quindi la festa annuale, durante la quale eroga borse di studio e festeggia un conterraneo che s'è affermato negli USA. Così, recentemenrte nella festa consueta annuale Francesca Ruvolo, d'origine riberese, ma nata qui e impegnata negli studi, ha ricevuto una borsa di studio di $2000 come premio per il suo profitto negli studi ed incoraggiamento a proseguire fino alla laurea.
Come "Uomo dell'anno" è stato festeggiato un agente immobiliare: Giovanni La Barbera, nato in America nel 1957 da Vincenzo e Maria Giuseppina La Barbera, originari di Alessandria della Rocca (Agrigento) , la cui agenzia immobiliare, conosciutissima,  ha sede in Hoboken (N.J.), mentre risiede con la moglie Angelica, figlia di Gerrino e Pina Razza (da Porta Rosa, Messina) in Great Notch/Little Falls (New Jersey), con i tre figli.
Ogni anno, in agosto, i coniugi Giovanni e Pina La Barbera vanno ai patrii lidi; a rivedere parenti e compaesani; tanto a Ribera che a Porta Rosa. Oltre a ricevere l'attestato di uomo dell'anno dal sodalizio, John La Barbera ha ricevuito un riconoscimento al merito dal sindaco di Elizabeth: Christian J. Bollwage.
Il gala svoltosi a L'Affaire ha avuto un grande successo; si è ballato al ritmo delle note del complesso "Mirage". Presenti oltre trecento persone Brillante Maestro di cerimonie è stato l'avv. Salvatore Imborbone. Il direttivo del centro è così formato: Peter Agliata, presidente; Jack Marabella, vice presidente; Jimmy Foderà, tesoriere; Jack Miceli, segretario; Carmelo Renda, tutore dell'ordine. Il consiglio di amministrazione e' formato da: John La Barbera, Carmelo Marabella, Enzo Giudice, Sal Farina, Steve Bongiovi, Joe Gatto.
Il consigliere comunale Frank O. Mazza ha pronunciato la perorazione, dopo l'esecuzione degli inni nazionali d'Italia e d'America.
Queste le ispirate parole: "Ti ringraziamo, Signore,  per il cibo che abbiamo già pregustato nell'ora dell'aperitivo e che completerà il nostro desinare; con frutta, dolci, vini inclusi. Benedici, Signore, tutti i soci ed amici presenti per questa serata, ed alla Tua bonta' raccomandiamo i membri del nostro Club Ribera che ci hanno preceduti nel Regno dei Cieli. A Gesù, Tuo Figlio, che ci guida, ed a Maria, che l'ha reso nostro fratello, offriamo questa serata, sperando sia loro gradita, così come a noi tutti qui riuniti, la duplice fiaba di sogno che ci alimenta: il ricordo perennemente vissuto della terra d'origine e l'"American Dream".

Il palinsesto di oggi