Le poesie

‘E pummarole

di nino del duca

26-07-2009

Chist'anno àggio piantato ‘e pummarole,
er' ‘a paricchio ca ‘o vvulevo fa'.
Chi è pensionato, per non sentirsi inutile,
‘e ‘na manera o ‘e ‘n'ata adda sbaria'.

Chiesi consiglio ad un amico mio
che è competente.  Pur'isso è pensionato
e arèt' ‘a yarda s'ha fatto un orticello,
si procura gli ortaggi di stagione,
sono genuini e nun l'hadda accatta'.
Dissi a me stesso: "Devo cimentarmi,
oggi che la verdura costa cara,
sicuramente pozzo sparagna'!".

Preso da un entusiasmo irrefrenabile,
spiantàie ddoie piante ‘e rose a ‘int' ‘o ciardino
(gli strilli di mia moglie ièttene ‘n cielo...)
Poi ce levàie tutt' ‘o terreno viecchio
e ‘o rimpiazzaie, ‘na cosa basilare,
cu quatte sacchetièlle ‘e terra nova
(...'e rine rutte, chi s'o ‘mmaginava!).

Siccome vulev'essere sicuro,
accattàie le piantine già sguigliate.
‘O ciardiniere che me le vendette
mi consigliò: "Comprate questo tipo,
è un seme nuovo, molto resistente,
costa cchiù caro, ma ne vale ‘a pena,
basta ca ce mettìte ‘o ppoco d'acqua
e ‘e pummarole cresceno int' a niente.

- e poi aggiunse - Vi serve anche il concime,
e necessario p' ‘e ffa' prospera',
e v'aìta procura' tutti gli atrezzi,
palette, annaffiatoio, forbici adatte
e dei guanti robusti da giardino.
Si ‘ncopp' ‘e mmane nun ce stanno i calli
cumme a chi, pe' campa', hadda zappa' ‘a terra,
senza guante ‘e putite ruvina'".

Finalmente, felice e gongolante
dopo messe a dimora le piantine,
dissi a mia moglie: "Cu ‘sti pummarole
che cresceranno, avìmma fa' ‘e butteglie,
sono stanco ‘e ‘sta rrobba scatolata,
e ‘na purziona ‘e cuglimmo mezze acèvere,
ce cunzulàmmo a c' ‘e mangia' ‘a ‘nzalata.

Così, con molta cura, ogne matina,
io l'arracquavo... ma con disappunto,
‘a gramegna ‘a vedevo sempe ‘e crescere,
ma ‘e pummarole, smunte e striminzite,
parevano già morte primm' ‘e nascere.

Oggi ho fatto il raccolto - sette in tutto -
e mia moglie m'ha fatto ‘ncuccia' ‘a freva,*
mi ha rinfacciato: "Cu ‘e denare spise
ne putìve accatta' miezu quintale!"

Non le ho risposto, pecchè have raggione...
Chi se ‘mmesca cu ‘e ccose ca nun sape,
molto spesso (cumme cierti politici
ca pretendono di essere capaci,
‘mbriacànno ‘e ccose senza risultato)
lavora a vuoto e nun accocchia niente
e, cumme dice ‘na canzone antica,
ce perde sul' ‘o tiempo e ‘a serenata.

* ‘ncuccia' ‘a freva = arrabbiarsi
                    

 

Il palinsesto di oggi