Economia

Auto. Il mercato Usa si riprende. Martedì finisce la rottamazione

23-08-2009

NEW YORK.  In ripresa il mercato automobilistico americano grazie agli incentivi: in agosto dovrebbero essere venduti 1 milione di veicoli, con una previsione per le immatricolazioni totali nel 2009 cresciuta da 10 a 10,3 milioni. La stima è di J.D.Power, che ha condotto un’indagine su circa 10 mila dealers nei primi 13 giorni di agosto. A incidere positivamente sul mercato sono gli incentivi, ma anche i contributi che le case automobilistiche si apprestano a erogare.
I fondi statali, infatti, sono esauriti e gli incentivi negli Stati Uniti non saranno più erogati dopo le 20 di lunedì 24. Altro che “Porte aperte”: la fine anticipata degli incentivi Usa sta portando nelle concessionarie americane vere folle di clienti, intenzionati ad approfittare del contributo (tra i 3500 e i 4500 dollari) concesso dal Governo Obama per chi sceglie un modello a basso consumo.
Molti dealers sono stati costretti a chiudere le porte per non rischiare di vendere altre auto e non incassare i bonus. I 239 punti vendita di AutoNation, una delle più grandi catene di dealers Usa, hanno detto stop alle vendite “incentivate” già venerdì. “In meno di sei settimane, il programma “Cash for Clunkers” ha generato circa 750.000 nuove vendite - ha dichiarato Dave McCurdy, Ceo dell’Alliance of Automobile Manufacturers - ed è un vero successo, visto che la percorrenza media per gallone di carburante è aumentata di quasi 10 miglia.
 Il programma ha raggiunto l’obiettivo di stimolare l’economia e di migliorare la situazione energetica”. Come ha precisato il Segretario ai Trasporti, Ray LaHood, “la decisione di staccare la spina al programma “Cash for Clunkers” è arrivata dopo che il Dipartimento ha quasi esaurito la sua dotazione di 3 miliardi di dollari, di cui 1,9 miliardi già erogati”. Ma ora le perplessità degli operatori riguardano appunto i prossimi quattro mesi dell’anno.
Sia General Motors che Chrysler (ma tutte le grandi Case dovrebbero schierarsi in questa direzione) hanno dichiarato di essere pronte a tutelare la loro rete commerciale, facendosi carico degli oneri finanziari dei “bonus” erogati ai clienti e non ancora rimborsati dal Dipartimento.
“Il miglioramento della fiducia dei consumatori e la maggiore disponibilità di credito nel corso degli ultimi sei mesi, combinati con il programma “Cash for Clunkers”, hanno fatto salire le vendite - ha detto Gary Dilts, Senior Vice President di JD Power - ed hanno posto le basi per una graduale ripresa nel corso dei prossimi mesi”.

Il palinsesto di oggi