Le poesie

Pizza e sogni

di Nino Del Duca

22-11-2009

‘A vita mia è stata tutta un sogno,

me ne aggio visto bbene ‘e ogne manera,

vestìte ‘e Zegna, scarpe su misura,

cravatte ‘e seta, lenzòla arricamate

e po', palazzi, ville, grandi viaggi,

Ferrari int' ‘o garage e ‘o maggiurdomo

ca me scetava verso mieziuorno

e rispettosamente, cu ‘n inchino,

mi domandava: "Che v'aggia pripara'?"

 

Qualunque cosa bella ca pò esistere

è stata mia, e, senza esagera',

tutte ‘e cchiù belli femmene d' ‘o munno

sono passate dentro alle mie braccia...

Finanche la Schiffer, ultimamente,

venètte for' ‘a porta a me prega'

(ma chella sera nun tenèvo genio,

cierti vvote succede... che buo' fa').

 

Vicienzo stà parlanno cu Ciccillo

mentre, ‘nnanze a ‘na pizza Margherita,

fà mentalmente ‘o cunto: "So' ddoje pizze,

‘nu litro ‘e vino e ddoie tazze ‘e cafè...

Io ‘e sorde nun ‘e ttengo, però spero

che, anche stasera (Ciccillo me vo' bbene)

dirà, gioviale,: "...pago anche per te".

 

Come sperato, ciccillo paga il conto,

e poi,mentre se stanno salutanno,

se ferma e dice: "Spiegami ‘na cosa...

Nuie simmo amìce ‘a ch'èramo guagliùne

e, tranne ‘na semmana ca ‘a passaste

dint' ‘o ‘spitàle pe' bbia ‘e l'appendicite,

ce sìmme viste quase tutt' ‘e ssere.

Tutte ‘sti ccose ca tu mi racconti,

le tue grandi avventure, le ricchezze

(io ‘sta Ferrari nun l'àggio mai vista),

le belle donne che t' ànno accarezzato...

Quanno è succièso, me lo sai spiega'?

 

Vicienzo fà ‘na faccia stupefatta:

"Allora tu non hai capito niente...

Te l'ho detto al principio - La mia vita

è stata tutta un sogno... Cicci', ‘a notte,

dentro al mio letto, io sogno ad occhi aperti

e, ‘ncapo a me, il mondo è tutto mio,

e poi, quando mi sento soddisfatto

ed ho appagato tutti i desideri,

‘nchiuro ll'uocchie e m'addormo ‘n grazia ‘e Ddio.

 

Cicci', cerca ‘e capi', la nostra vita,

in ogni caso, è solo un'illusione.

Il successo, il potere, le emozioni,

son cose transitorie e passeggere

che durano il momento che le vivi,

quello che resta impresso nella mente

(ca è pur'essa ‘na cosa immateriale)

sono i ricordi.  Dimm' ‘a verità,

quanno tu vàie da donna Carulina,

doppo ca c' ‘e passata ‘na mez'ora,

che ti rimane?  Solo la stanchezza

e il ricordo di quello che è successo...

... e pure a me rimangono i ricordi,

ma nel mio letto, e senza me stanca'".

 

Ciccillo non si sente assai convinto

degli strani discorsi di Vicienzo

e pensa: "È n'alienato o è ‘nu filosofo?"

 

Poi gli sovviene ca ‘int' ‘a   ‘na semmana

so' sette vote ca ha pavàto ‘e pizze

e risponde a Vicienzo: "Sai ch'ìa fa'?

Domani sera, mentre ad occhi aperti

sogni di tutto, sogna anche la cena...

 

Poi, quanno ce ‘ncuntrammo, potrai dirmi

se, a pancia vuota, ‘o fatto è ancora valido

o, assieme ai sogni, ce vo' pure ‘a realtà".

 

Il palinsesto di oggi