Le poesie

"Sotto ‘o ncopp"

di Nino del duca

28-11-2009

"Voi che ne dite, è meglio ‘a sotto o ‘a coppa?"

‘Na signora mi ha chiesto sere fà.

Stavamo ad una mostra d'Arte Astratta

e, preso alla sprovvista, sul momento

questa domanda m'ha fatto sobbalza'.

 

Ammetto che il linguaggio adesso in uso

(dice che aiuta ad essere sè stesso

dando a chi parla un senso ‘e libertà)

non è più quello che usava tempo fa,

oggi, colti o ignoranti, senza scuorno

vòttono fòre ogne volgarità.

 

Ma io sono all'antica e, francamente

brutte figure nun me piace ‘e fa',

spicialmente riguardo a certi ccose

che in pubblico fà brutto a numena'.

 

Perciò ho detto: "Signo', non è appropriata

questa domanda fatta a ‘stu mumento,

cu' tanta gente ca tenìmmo attuorno

io la risposta nun v' a pozzo da',

se mi darete il canzo (1), in altra sede

possiamo avere il modo ‘e ne parla'.

La signora, belloccia e appariscente,

mi ha guardato con aria bellicosa

e po' m'ha ditto: "Mio signo',‘o ssapìte

che voi siete davvero ‘nu scrianzàto ?

 

La domanda ca primmo v'àggio fatta

a riguardo d' ‘a meglia posizione,

non era quella ca tenìte ‘ncapo

(l'uòmmene sìte tutte ‘e ‘na manèra...)

Io vulevo sape' se il quadro esposto

l'èvano appìso dritto o rovesciato!

 

Io ‘nce lo dico sempe a mio marito

ca a chesti mostre nun m'àdda purta',

pe' me quest'Arte Astratta nun è cosa,

me stanca, nun ‘a pozzo suppurta'.

 

A me piacciono ‘e quadre ‘ell'Ottocento,

io metto "‘a tela" in bella posizione

in modo ca chi guarda ‘a pò ammira',

poi mi rilasso... e, se il soggetto è buono,

sicuramente me fà cunsula'."

 

(1) il canzo = la possibilità

 

 

Il palinsesto di oggi