Le poesie

Capodanno 2010 (Ce vo’ ‘a bacchetta magica)

di Nino Del Duca

27-12-2009

Parlare ‘e Capodanno è molto semplice,

ce miette ‘a dint'o ppoco ‘e tradizione,

fai ‘na battuta ‘ncoppo ‘o capitone,

parli de' bbotte,  scherzi sul cenone

e finisci augurando a tutte quante

un buon principio sturando lo spumante.

 

Però pe' me ‘sta vota non è facile

pecché l'atmosfera nun ce stà,

guardo i giornali quasi con timore,

ogne matina  ‘na nutizia brutta

nun tiene manco ‘o tiempo ‘e risciatà'

e ‘o iuorno appriesso ancora n'atu  guaio,

pare ca ‘o munno se vo suicidà.

 

In Italia di nuovo il polverone

per coprire le eterne malefatte

e  le speranze di  un futuro onesto

se ne so' gghiute senza salutà.

(Ce so'riuscite, tanto c'hanno fatto

se ‘e so' levate ‘a tuorno, e sorridenti,

i nuovi intrallazzari si compiacciono

tra loro, tale e quale ai tempi addietro).

 

Nel mondo ancora guerra fraticide,

bambini trucidati e abbandonati,

droga imperante, e pure  la natura

ce mette ‘o suio, tempeste, ‘o terremoto

sopra l'Abruzzo ce ha fatto ‘ntussecà.

 

Niente putimmo fa contro ‘a natura,

nun te può ribellà, ti  ha rassignà

ma ai guai procurati dalla gente,

sinceramente, ce avessema penzà.

 

Ogne anno ognuno fa e proponimenti

pe' l'anno nuovo, ma, già lo sappiamo,

quasi nessuno poi li manterrà,

si cade nella solita rutine

pensanno: "Né, ma a me chi m'o fa fà?"

 

Puri chist'anno il mondo, a mezzanotte,

celebrerà l'evento con discorsi,

promesse (a vuoto) e luminosi intenti

e ‘o iuorno appriesso, tutto come prima,

nun è cagnato manco ‘o riesto ‘e niente.

 

Pirciò pe' me ‘sta vota è assai difficile

parlare di onestà, di comprensione,

di una giustizia giusta, di bontà...

Sono discorsi che cadono nel vuoto.

 

Ce stà sulo ‘a sperà che l'anno nuovo

cu ‘na bacchetta magica, affatata,

trasformi il  cuore e ‘a mente della gente

e tutto il male che oggi esiste al mondo

come d'incanto si dissolva al vento.

 

Solo così scetannoce ‘a matina

d'o primmo ‘e ll'anno (... un po' più tardi, è festa)

ognuno ‘e nuie, fratelli finalmente,

con sollievo putessemo esclamà:

"Ogge è schiarato n'ata vota ‘o sole,

‘o munno è in pace, e ‘a ggente pò campà".

Il palinsesto di oggi