Le poesie

Un ennesimo pranzo

di Nino Del Duca

01-02-2010

Ancora ‘n atu pranzo in pompa magna

a un altro personaggio ca è  venuto

per salutarci e farci ‘na parlata

e m'associo pur' io - Bona salute! 

Per noi italiani ca campammo ‘America

tutto quello che  viene dall'Italia,

che sò, ‘nu pruvulone, ‘nu prusutto,

qualunque cosa con il Made in Italy

l'accogliamo con gioia, pecchè ce porta

come un senso d'orgoglio nazionale. 

Facìmmo ‘o stesso pure cu ‘e persone,

spicialmente si so' politicanti,

Vengono spesso (New York è  una vetrina)

di ogni tendenza e ogni coloritura.

Ognuno ‘e lloro l'identica parlata

cu' ‘a mano ‘ncopp' ‘o core essi ci giurano:

"State sicuri, di voi ne avremo cura!"

(e quasi sempe è‘a stessa fregatura). 

Stavolta è il Presidente della Camera,

una persona seria e assai stimata

ca, nonostante stà ‘a chell'ata parte

(la parte dei politici ossequienti

ai voleri di un tizio che si crede

- come quell'altro - "l'Uomo del Destino")

alcune volte, guidato dal buon senso,

dice cose contrarie e non gradite

da chi - con la dentiera sempre in mostra -

cu mille ‘nciuci cerca ‘e s'appara'...! 

M'hanno invitato, ed io mi stò chiedendo

"Ce vaco o nun ce vaco?" - Alla mia età

fosse cchiù meglio a riguarda' ‘a salute,

ma a me me piace ‘e sta' ‘ncummertazione

perciò ho deciso, me vesto'a scarrafone

e andrò a quel pranzo.  Rivedrò i sorrisi

di tanti amici, ma la ragione vera

è di guardare dentro gli occhi l'Ospite,

capire se si esprime con il cuore

o stà parlànno tanto pe' parla'.

Tant'anne fà, quando venne in America

(c'era ancora nell'aria Tangentopoli),

io l'incontrai e fui molto colpito

dal suo parlare chiaro e convincente. 

Quando gli chiesi pecchè  iève a braccetto

con certa strana gente arruffapopoli,

lui mi sorrise, e poi mi fece un gesto

molto eloquente, stropicciò  due dita

come per dire: " ‘O munno accussì và...

La politica è questa - per esistere -

devi trovare il modo ‘e t'arrangia'." 

Lo rivedrò, e spero di sentire

parole vere, non politichese,

concetti in cui potersi rispecchiare. 

A ‘stu mumento la posta in palio è alta

perchè è in gioco il futuro dell'Italia

minato da manovre messe in atto

da chi - pro domo sua - ‘a vo' zeffunna'.

Io son sicuro che dal suo Alto Scanno,

vedènno cierti ccose troppo storte,

lui alzerà la voce p' ‘e  fferma'. 

Il pranzo sarà buono? Me lo auguro.

Sìmme fatte accussì, ci entusiasmiamo

e a volte non badiamo alla sostanza...

Io spero sia di buona qualità

senza additivi pe' ffa' fess' ‘a vocca,

robba genuina e fresca, non stantia

e ammazzaruta (non lievitata), si no po' succère

ca invece di allietarci, chistu pranzo

ce lascia sulo ‘nu dulore ‘e panza.

Il palinsesto di oggi