Le poesie

Ricchezza e povertà

di Nino Del Duca

28-03-2010

In fondo, se vogliamo ragionare,

per vivere sereni basta poco:

qualcosa da mangiare tutti i giorni,

un letto per dormire quanno è ‘a sera

e ‘a cumpagnia di chi vogliamo bene.

 

Naturalmente ce vo' pure ‘a salute

però, pure si tieni degli acciacchi,

cu ‘nu poco ‘e pazienza e qualche pillola,

pesano meno, sono sopportabili

e, in molti casi, si ce pienze ‘a coppa,

tutte le rogne che ci dà la vita

e che purtroppo sono inevitabili,

si tiène ‘a panza chiena e sai sorridere,

in qualche modo ‘e riesce a suppurta'.

 

Ognun' ‘e nuie, qualunque sia il suo reddito,

se sente puveriello o ricco assaie,

a seconda del modo di pensare.

Ce stà chi, dint' ‘o bbene, è sempre afflitto

pecchè vulesse chello ca nun tène,

e chi, pure cu ‘e rièbbete, stà allèro

pecchè se sente ricco ‘int' ‘o penziero.

 

Definire ‘a ricchezza e ‘a povertà

nun è ‘na cosa semplice.  Io ritengo

che le pene e le gioie d' ‘a vita nosta

non nascono dai beni materiali,

essere ricco o povero è un concetto

creato dal convivere sociale,

avere tutto o non avere niente

c'entra ben poco cu ‘a felicità.

 

Per essere felici overamente

si deve essere in pace con la gente

e (questo è più difficile) sè stessi,

e si ‘e ccose, talvolta, vanno storte,

capire che, col tempo, tutto passa,

dopp' ‘a tempesta, ‘o sole turnarrà.

 

Parlando cu' ‘n amico - fà ‘o scarparo

e tiene idee (per lui) chiare e precise -

gli ho chiesto di spiegarmi, a modo suo,

la differenza tra i due poli opposti:

cos'è ‘a ricchezza e che è ‘a  povertà.

 

La sua risposta è stata illuminante

(anche se, certamente, riduttiva).

"A ricchezza - mi ha detto sorridendo -

per me consiste in queste tre parole

ca me sònno,  accunciànno scarpe rotte,

sono: -CAVIALE - CHAMPAGNE - COCOTTE.

 

‘A povertà?  - La vivo tutti i giorni

pirciò per me è assai facile a t'‘o ddi':

"Pasta e fasùle, l'acqua d' ‘a  funtana,

e ‘a faccia sempe appesa di mia moglie

ca, si lle voglio fa' qualche carezza

me dice, astiosa: - Me fà male ‘a capa! -

e, a stiento. qualche volta dice -Sì- "

 

 

Il palinsesto di oggi