Dall'Italia

Emergency riempie la piazza. 50mila a Roma

17-04-2010

ROMA. "Siamo più di 50 mila, la piazza è piena": ci hanno messo un po', i volontari di Emergency, a calcolare il numero delle persone accorse a piazza San Giovanni a Roma per sostenere i tre operatori della ong arrestati in Afghanistan. E probabilmente non si aspettavano neanche loro di vedere così tanta gente a una manifestazione, organizzata in soli tre giorni, e da soli, senza l'apporto di partiti politici o sindacati. Emergency è riuscita dunque a rendere tangibile quello che in questi giorni, dopo l'arresto di Marco Garatti, Matteo Dell'Aira e Matteo Pagani, i suoi responsabili vanno ripetendo come un mantra: e cioé che il loro lavoro viene apprezzato, in barba ai tentativi di screditare l'organizzazione e i suoi operatori.

Un lavoro "al di sopra di tutte le parti" come ha tenuto a ribadire anche ieri il fondatore Gino Strada: "curiamo tutti, talebani e talebini, osama e obama". E la pioggia di firme al loro appello per la liberazione dei tre operatori - più di 350 mila - ma anche le 11.000 firme di cittadini afghani della valle del Panshir sono un'altra valida prova - affermano - della loro ‘reputazione' In piazza anche l'intera famiglia di Matteo Pagani, il ragazzo romano di 28 anni che lavorava come logista all'ospedale di Lashkar Gah quando è stato arrestato dalle forze di sicurezza afghane, sabato scorso, insieme al chirurgo Garatti e all'infermiere Dell'Aira. Il padre Massimo, la mamma Gabriella e i fratelli Iacopo e Simone sono lì insieme al segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, amico di famiglia. Raccontano di come Matteo non voglia mai stare fermo, e che se in seguito a questa vicenda sarà costretto a tornare a casa ne soffrirà. Sono fiduciosi in un esito positivo della vicenda e dicono che i tre di Emergency "hanno diritto a tornare a casa", ma non hanno mai creduto alla notizia che Matteo potesse essere liberato prima degli altri.

Alla domanda se si sentano sostenuti dal governo italiano, il padre risponde: "Ci ho messo tre giorni a capire se stavano lavorando per la liberazione. Ora sono convinto di sì".

Emergency non ha voluto bandiere di partito né ha chiamato esponenti politici a intervenire alla manifestazione, per una scelta dichiarata di non schieramento e perché, aveva sottolineato Strada alla vigilia, "non è una manifestazione politica". Ma qualcuno è andato ugualmente, per portare la sua solidarietà. Si sono visti tra gli altri Walter Veltroni, Piero Fassino, Stefano Pedica, Nichi Vendola, Paolo Ferrero, Fabio Evangelisti, Sonia Alfano.

Tutti esponenti di una sola parte politica, viene fatto notare a Strada: "questo bisogna chiederlo a loro - commenta - e soprattutto a quelli che non sono venuti. Noi non abbiamo fatto appelli selettivi, a nessuna forza politica. Non ci interessa". Mentre sul palco si succedono artisti e cantanti - Moni Ovadia, Daniele Silvestri, Fiorella Mannoia, Nicolò Fabi e altri - arriva anche la notizia che la vicenda dei tre operatori italiani verrà affidata alla procura di Kabul. E' una buona notizia, commenta Gino Strada.

"Se confermato, mi farebbe piacere, nel senso che almeno sapremmo di poter trattare con un procuratore, non con degli sconosciuti senza volto e senza nome. Se così fosse, da domani mattina gli avvocati che abbiamo già nominato giorni fa e ai quali è stato impedito di vedere i membri dello staff di Emergency, con un procuratore davanti, dovranno chiedere questa cosa e ottenerla. Perché tra l'altro é la legge che lo prevede". Strada rende anche noto che l'organizzazione umanitaria sta lavorando "in stretta collaborazione con le Nazioni Unite per risolvere questo brutto pasticcio" grazie all'interessamento particolare dell'inviato dell'Onu in Afghanistan, Staffan De Mistura.

Ma questo non vuol dire che il governo italiano ora abbia un ruolo marginale: "Loro fanno il loro lavoro, che non giudico anche perché non so esattamente quale sia. Noi stiamo facendo il nostro. Sono due cose diverse". Ora Emergency spera solo di avere notizie positive dei suoi tre operatori

Il palinsesto di oggi