Visti da New York

Citizen Murdoch

di Stefano Vaccara

10-07-2011


Il re degli "scoop" é "scooppiato"? L'impero mediatico del global news tycoon Rupert Murdoch, di colpo traballa e perde uno dei suoi pezzi piú preziosi: il domenicale londinese News of the World, il tabloid in lingua inglese piú letto al mondo, va in edicola per l'ultima volta e muore dopo 168 anni. James Murdoch, uno dei figli del tycoon di origine australiana, é riuscito a convincere il padre-padrone a chiudere la testata per salvare il salvabile della credibilitá di News Coorporation e, forse, salvare un lucroso affare col governo inglese per il totale controllo della tv satellitare BSkyB. Ci é voluto lo scandalo con risvolti criminali sulle intercettazioni telefoniche per suonare l'allarme sui pericoli provocati dallo pseudo giornalismo alla Murdoch.

Era ora che lo squalo australiano fosse colpito sul muso dall'indignazione dell'opinione pubblica. Murdoch da trenta anni esercitava la sua influenza sul potere politico della Gran Bretagna, e ormai ci stava riuscendo anche negli Stati Uniti. Questo suo "quarto potere" non era esercitato negli interessi dei cittadini e della democrazia, ma nell'interesse del suo business.

Non tramonta mai il sole nell'impero mediatico di Murdoch, e negli Usa le sue corazzate sono capaci di fare terra bruciata attorno soprattutto a quei politici che cercano simpatie nell'elettorato di destra: senza l'appoggio di tabloid come il NY Post, dei canali della Fox tv,  del quotidiano Wall Street Journal -  una volta autorevolissimo ma ormai ridotto a megafono dell'agenda del padrone - nessun candidato del Gop potrebbe tentare la scalata nei sondaggi.

Murdoch come Berlusconi? Non scherziamo, é come paragonare una Ferrari ad una Fiat 500.  Murdoch condiziona i politici con i suoi media per fare ancora piú soldi, Berlusconi fa politica con l'appoggio dei suoi media, per salvare se stesso e i suoi soldi. Murdoch manovra la politica per favorire e allargare l'influenza del suo business, Berlusconi manovra i media per sopravvivere politicamente e poter salvare le sue aziende. Fino a prima di questo scandalo, Murdoch era il piú potente dei media tycoon capace di far rieleggere o mandare a casa un politico (non solo a Londra o Camberra ma, come nel caso di GW Bush, anche a Washington). Adesso l'impero di Rupert traballa, ma é forse troppo "big to fail?"

Murdoch non é imparentato con Berlusconi ma é semmai il vero erede di William Hearst, il primo media tycoon che agli inizi del XX secolo inventó il giornalismo per le masse. Hearst partí da un piccolo giornale di San Francisco posseduto dal padre per poi costruire un impero mediatico coast to coast. Murdoch partí da un piccolo giornale australiano di Adelaide anch'esso di proprietá del padre. Herst inventó il giornalismo tabloid, ed allargó il suo impero nelle radio e anche nel cinema. Cosí Murdoch fece con le tv cable e satellitari. Hearst tentó pure la scalata politica, arrivando ad essere eletto al Congresso ma appena tentó la nomination per la Casa Bianca, la democrazia americana si mostró allergica ad un media tycoon al potere. L'ascesa e declino di Hearst é stata romanzata nel piú famoso film della storia del cinema, "Citizen Kane" di Orson Wells. Murdoch ha imparato la lezione di Hearst: per influenzare la politica non c'era bisogno di "scendere in campo".  Berlusconi invece...

Che lo scandalo criminale di News of the World possa ridimensionare lo squalo Murdoch e la sua stretta sul ruolo dei media nelle democrazie mature. Stop ai media "partigiani" che spingono qualcuno al potere e lo aiutano a manterlo finché conviene al loro business, e piú forza ai "guardiani" della democrazia.

Negli Usa il declino di Murdoch potrebbe annunciare la riscossa di un giornalismo con una tradizione giá consolidata. In Italia l'imminente uscita di scena di Berlusconi non avrá alcun effetto sul quarto potere, in Italia infatti questo ancora non esiste.

Il palinsesto di oggi