La città

Eataly. Apre la Scuola

Di Riccardo Chioni

11-04-2012

In breve è diventata una meta obbligata per mangiare, fare la spesa e per imparare: tutto sotto un unico tetto e, sempre nell'intento di promuovere la cucina italiana, tra qualche giorno a Eataly aprirB La Scuola, presentata ieri alla stampa dalla regina della tavola italiana in America, Lidia Bastianich.  Quando Eataly ha aperto a New York l'emporio a 23rd Street angolo Fifth Avenue, giB disponeva di una classe per insegnare le ricette di cucina, ma di piccole dimensioni, con una ventina di posti, metB di quelli resi disponibili con la nuova sezione.  La nuova cucina pij funzionale e ideale per l'illustrazione, consentirB a La Scuola di Eataly di soddisfare meglio la voglia dei suoi clienti di approfondire la conoscenza sulla cucina italiana e all'avvio delle classi propone un programma mensile suddiviso per ognuna delle venti regioni.  O Lidia Bastianich ad anticipare che i corsi saranno tematici, basati su ciascuna regione, in cui si parlerB di cibo e vino con il somelier Don Amatuzzi, un'autoritB in materia.  Eataly vuole essere la Scuola, allargata alla comunitB come quella newyorkese assetata di sapere, conoscere, approfondire, ma soprattutto toccare con mano quei prodotti e ingredienti essenziali delle ricette della cucina tipica italiana.  Fedele al ruolo a cui P deputata La Scuola apre agli studenti, in collaborazione con l'Italian American Committee on Education, l‘organizzazione non-profit dedita a promuovere l'insegnamento della lingua e cultura italiana nella circoscrizione di New York, New Jersey e Connecticut con 40 mila studenti che seguono attualmente i corsi.  Scolaresche di elementari e superiori due volte al mese si recheranno in visita a Eataly per partecipare ad un tour gastronomico della penisola per comprendere la diversitB dei prodotti e degli ingredienti, osservare ad esempio come la mozzarella - prodotta giornalmente - esce intrecciata dalle mani dei mastri di Eataly.  Il tour degli studenti culminerB con una breve e semplice dimostrazione di una tradizionale ricetta italiana, facile anche da replicare tra le mura domestiche, ma soprattutto il programma P inteso a far conoscere ai giovani i benefici di una dieta equilibrata e salutare.  Questa regola applicata alle giovani leve della tavola, vestono tuttavia anche gli adulti, sempre pij alla ricerca di cibi sani e salutari.  "A La Scuola - ha spiegato Lidia Bastianich - proponiamo una serie di corsi per fare il giro d'Italia a tavola. Ce n'P per tutti i gusti e per ogni settore ci sarB uno dei nostri specialisti di Eataly per approfondire gli argomenti, come il vino o i formaggi, ad esempio".  Certo, P una scuola e il suo compito P di insegnare, quindi grande informazione. "Qui non si viene per prendere appunti e poi andarsene. Si prepara, si assaggia, si sentono gli odori, si toccano gli ingredienti e fuori - sottolinea - quando escono possono fare la spesa qui a Eataly e riprodurre a casa quanto imparato".  I prossimi corsi  "Food for Thought" includono anche classi "recipe writing" e "cooking for one" con l'autrice Judith Jones e la collaborazione del neurologo Alfredo Fontanini della Stony Borrk University.  Ieri per la stampa la celebritB del piccolo schermo e rimonata ristoratrice Lidia Bastianich si P prodotta ai fornelli con l'executice chef di Eataly Alez Pilas nell'arte del risotto primavera, seguito da pesce spada all'Uso di Bagnara con contorno di zucchine con acciughe e capperi.  Ad aprire la serie regionale sarB l'Umbria con le sue innumerevoli ricette originali e il vino di Montefalco, con il suo gioiello Sagrantino.

Il palinsesto di oggi