Cultura

Cancellata la mondovisione, "Achille Lauro" solo al Met

19-06-2014

 

Cala il sipario sulla mondovisione di "Death of Klinghoffer", la controversa opera di John Adams sul caso Achille Lauro. Peter Gelb, il general manager del più celebre teatro lirico degli Stati Uniti, ha deciso di cancellare la "simulcast", preoccupato che la comunità ebraica internazionale potesse trovare inappropriata la performance "in questi tempi di crescente antisemitismo".

Composta nel 1991, l'opera si ispira al dirottamento del 1985 da parte di palestinesi dell'Olp della nave di crociera italiana nel Mediterraneo. Nel braccio di ferro con le autorità, venne ucciso un uomo: il 69enne pensionato americano Leon Klinghoffer, scaraventato in mare sulla sedia a rotelle.

Una coproduzione tra Met e English National Opera, l'opera ha debuttato a Londra nel 2012 con otto altre rappresentazioni in programma al Lincoln Center a partire da ottobre. Come molte altre serate del Met, il teatro americano aveva messo in programma una trasmissione in diretta ad alta definizione in 2.000 sale cinematografiche in 66 paesi del mondo. L'evento, in programma il 15 novembre, è stato cancellato dopo una conversazione di Gelb con Abraham Foxman, il direttore dell'organizzazione ebraica AntiDefamation League che da oltre cento anni si batte contro l'odio razziale.

"Sono convinto che "Klinghoffer" non è anti-semita, ma sono anche convinto che ci sia genuina preoccupazione nella comunità ebraica internazionale che la trasmissione in diretta sia inappropriata in questo momento di crescente antisemitismo in particolare in Europa", ha spiegato il direttore del Met. La protesta era stata guidata, oltre che da ADL, dalle figlie di Klinghoffer, Ilsa and Lisa, che hanno accusato l'opera di Adams di "razionalizzazione del terrorismo" e di "false equivalenze morali".

Oltre a cancellare la diretta, la Metropolitan Opera ha accettato di stampare una dichiarazione delle due donne sul programma a stampa che verrà distribuito agli spettatori. Palesemente scontento l'autore dell'opera: secondo Adams la decisione del teatro promuove "la stessa intolleranza" che i suoi detrattori "sostengono di voler prevenire".

Il compositore è convinto che il suo spartito "renda con grande dignità omaggio alla memoria di Klinghoffer e della moglie Marilyn" e che "condanni senza riserve il brutale assassinio" pur riconoscendo "sogni e obiezioni di israeliani e palestinesi". lenza, terrorismo e antisemitismo".

 

Il palinsesto di oggi