Economia

Grecia. Ultimatum dell'Ue

13-07-2015

L'Eurozona vuole tenere la Grecia nell'euro, ma in cambio vuole una resa incondizionata. Solo una settimana fa erano Tsipras e suoi cittadini che hanno votato 'No' a dettare le condizioni, ora invece è la Germania della Merkel e di Schauble. Non vogliono aiutare Atene a tutti i costi, tutti i costi li deve pagare il Governo Syriza, se vuole davvero restare nella famiglia della moneta unica. Il prezzo sarà altissimo: il ritorno della Troika, che verificherà ogni passo del Governo, la reintroduzione dei licenziamenti collettivi, l'abolizione della contrattazione collettiva.

 

 

BRUXELLES. L'Eurozona vuole tenere la Grecia nell'euro, ma in cambio vuole una resa incondizionata. Solo una settimana fa erano Tsipras e suoi cittadini che hanno votato 'No' a dettare le condizioni, ora invece è la Germania della Merkel e di Schauble. Non vogliono aiutare Atene a tutti i costi, tutti i costi li deve pagare il Governo Syriza, se vuole davvero restare nella famiglia della moneta unica. Il prezzo sarà altissimo: il ritorno della Troika, che verificherà ogni passo del Governo, la reintroduzione dei licenziamenti collettivi, l'abolizione della contrattazione collettiva. Tsipras non avrà nemmeno il tempo di tornare a casa e spiegare il perché di un piano molto più duro dell'ultima offerta, visto che deve far approvare dal Parlamento entro mercoledì il primo set di riforme, tra cui Iva e pensioni. E non avrà né tempo, né scelta: l'alternativa che gli propongono al momento è una 'Grexit' temporanea, con tutte le incognite sul fallimento che essa comporterebbe.

Il piano 'prendere o lasciare', che mette il cappio intorno al collo di Atene lasciando a lei la scelta di stringerlo o meno, lo scrive l'Eurogruppo. C'è chi dà per scontato che il ministro Tsakalotos, pronto a tutto pur di portare a casa il salvataggio, l'abbia già accettato. Altri dicono che sia un modo per buttare la Grecia fuori, costringendola a rifiutare la polpetta avvelenata. Accettare simili condizioni, più dure di qualunque bozza circolata nelle scorse settimane, renderebbe praticamente scontata l'uscita di scena del premier. E' per questo che i leader provano a negoziare, alcuni aiutando il premier ellenico a venire fuori dalla strada senza uscita in cui i falchi l'hanno cacciato.

"La situazione è molto complicata, stiamo cercando di arrivare ad un accordo", ha detto il premier Matteo Renzi entrando al vertice. "La Francia farà di tutto per raggiungere un accordo oggi permettendo alla Grecia di restare nella zona euro", ha affermato Francois Hollande, chiedendo di abbandonare gli interessi nazionali e difendere "la concezione di Ue". L'invito è chiaramente alla Germania, granitica nella sua sfiducia verso i greci. "Non ci sarà un accordo a qualunque costo, dovremo valutare se i vantaggi sono superiori agli svantaggi", ha avvertito Angela Merkel, convinta che un cattivo accordo sia peggio di nessun accordo.

Francia e Italia, per ora, restano voci isolate, mentre la Germania ha molti seguaci: tutti e tre i Paesi Baltici, Olanda, Slovacchia, Malta, Austria, Portogallo e Finlandia. Tanto che uno dei pochi a considerare "buoni progressi" le condizioni capestro del documento dell'Eurogruppo è il ministro Alexander Stubb, il più estremo dei falchi anche per necessità, visto che il suo Governo, ricattato da una parte della coalizione, rischia di cadere se si andrà incontro ai greci. Per questo il documento scritto dall'Eurogruppo e poi passato ai leader è anche ad uso e consumo di quei Governi che devono dimostrare fermezza in casa propria. E quindi tornano tutti i cavalli di battaglia dell' 'austerity': dalla Troika che torna a 'commissariare' il Governo ellenico all'abolizione immediata - cioè entro mercoledì - delle baby pensioni, dalla reintroduzione dei licenziamenti collettivi all'abolizione della contrattazione collettiva.

Nemmeno le riforme che Tsipras ha già fatto potranno salvarsi: dovranno essere 'compensate' (cioè trovando misure a copertura), o abolite. Entro mercoledì dovrà già dare prova di aver capito: deve far approvare dal Parlamento la riforma dell'Iva, delle pensioni, l'adozione del Codice di Procedura civile, la creazione del 'Fiscal Council' previsto dal Fiscal Compact per controllare i bilanci e la direttiva per la 'risoluzione' delle banche, che mette fine ai salvataggi statali. Subito dopo un nuovo Eurogruppo deve riunirsi per giudicare, e nel caso dare il via libera al terzo salvataggio da 80-86 miliardi di euro, di cui 10-25 andranno immediatamente alle banche asfissiate, alcune delle quali si prevede dovranno fare 'fallimento ordinato'. Si prevede anche un intervento sul debito, ma senza specificarne la portata.

Tra parentesi nel documento - quindi ai leader la decisione se tenerla o meno - resta l'alternativa: ad Atene verrà data la possibilità di "un negoziato rapido per una sospensione temporanea dalla zona euro, con possibile ristrutturazione del debito". Un'ipotesi che si cerca ancora di scongiurare. "La notte sarà lunga", profetizzavano in serata fonti europee.

 

 

L'Eurozona si sta spaccando

 

BRUXELLES. La Germania fa terra bruciata e, dopo aver mandato in scena all'Eurogruppo uno show-down con la Bce che covava da tempo con uno scontro aperto Schaeuble-Draghi, mette anche a dura prova il suo rapporto con la Francia in un momento cruciale per l'avvenire dell'Europa. Il problema non è più solo la Grecia, ma le linee di faglia che Berlino sta alimentando tra i 19 e che stanno emergendo nei confronti di Atene. Ormai spaccati a metà, con il fronte pro-accordo guidato dal presidente francese Francois Hollande insieme al premier Matteo Renzi, e dall'altra quello del 'Grexit' capeggiato dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, dietro cui si sono allineati i Paesi del Nord, dell'Est e i baltici.

Che la spaccatura stia diventando profonda lo dimostra l'inedito scontro tra il ministro delle Finanze tedesco e il presidente della Bce (minimizzato dai rispettivi portavoce) in piena riunione dell'Eurogruppo, a mezzanotte. E la repentina decisione del presidente Jeroen Dijsselbloem di sospendere i lavori e riaggiornarli all'indomani, prima del consumarsi definitivo di una rottura resa ancora più grave dal contesto di crisi. "Non prendermi per stupido", ha gelato Schaeuble, rivolgendosi a Draghi mentre questo spiegava ai 19 quanto era stato fatto nel 2012 per alleggerire il debito greco. Berlino non ha mai digerito il 'whatever it takes' del numero uno della Bce per salvare l'eurozona. Il presidente della Buba Jens Weidmann fu il solo a votare contro il programma Omt, il 'bazooka' per l'acquisto dei titoli di Stato per difendere i Paesi dell'eurozona. E non ha nemmeno apprezzato il Qe. Nell'ultimo anno si sono moltiplicate le indiscrezioni di scontri tra Weidmann e Schaeuble con Draghi, che un anno e mezzo fa ha perso l'unico alleato tedesco nella Bce, Joerg Asmussen.

Il braccio di ferro di Berlino è da mesi che si fa sempre più intenso anche con Parigi. E che ora ha raggiunto l'apice dopo che la cancelliera ha scoperto che il membro francese del board dell'Esm ha aiutato Atene a scrivere la richiesta di aiuti. Al punto che il ministro degli Esteri del Lussemburgo ha chiesto di evitare un "conflitto di vasta portata" e "catastrofico" per l'Europa. "La Francia farà di tutto per raggiungere un accordo oggi permettendo alla Grecia di restare nella zona euro", ha martellato Hollande, "oggi è importante difendere la concezione che abbiamo di Europa e non gli interessi nazionali".

La Merkel al suo arrivo ha invece messo in chiaro tutto il contrario: "Non ci sarà un accordo a qualunque costo, dovremo valutare se i vantaggi sono superiori agli svantaggi". Mentre Renzi fa sponda con Parigi e ribatte: "Non posso immaginare un'Europa senza Grecia". E la rottura si sta consumando anche con Bruxelles. "Combatterò sino all'ultimissimo millisecondo perché ci sia un accordo", ha avvertito il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, che da settimane lavora in controtendenza con Berlino per avvicinare il premier greco Alexis Tsipras a un'intesa.

 

Il palinsesto di oggi