Sport

Formula 1. Vettel terzo in Brasile. Vince Rosberg

16-11-2015

 

 

INTERLAGOS. Nico Rosberg indovina il week-end quasi perfetto in Brasile, centrando pole position e vittoria - anche se il giro veloce è stato di Lewis Hamilton, secondo al traguardo - ma ormai il Mondiale è andato. Il bis del successo dello scorso anno lo soddisfa solo perchè ha tolto al britannico la soddisfazione di vincere la prima gara nel Paese del suo idolo, Ayrton Senna, e perchè blinda così il secondo posto in classifica, essendosi reso ormai irraggiungibile da Sebastian Vettel, giunto terzo. 

I due piloti Mercedes hanno dominato la gara dal primo all'ultimo giro, con il tedesco che ha doppiato tutti ad eccezione del compagno e delle due Ferrari, che si confermano competitive ma non ancora abbastanza da impensierire le Frecce d'Argento, conquistando comunque anche il quarto Kimi Raikkonen. 

"Non posso essere felice dopo tutto quello che è successo a Parigi. Sono comunque contento di come ho guidato e della vittoria", quinta stagionale, ha detto Rosberg dal podio, annunciando di voler tornare sul primo gradino nell'ultima gara 2015, ma soprattutto di essere più 'reattivo' la prossima stagione per arrivare finalmente al Mondiale che ancora gli manca. 

L'altro tedesco sul podio, Vettel, ha ammesso di aver sperato di ricavare di più da questa prova: "Ho cercato di fare qualcosa in partenza, ma, dopo quel momento, abbiamo tenuto un buon passo, anche se quelli lì davanti andavano davvero forte. Nel prossimo gran premio speriamo di avvicinarci di più", ha affermato Vettel, che con tredici podi stagionali ha segnato il miglior risultato di un pilota all'esordio con la Rossa. 

A Maranello si lavora duro già per la prossima stagione, perchè Vettel, pur già carico di titoli, come Rosberg vuole scalzare dalla vetta Hamilton. L'inglese ieri ha cercato in tutti i modi di superare Rosberg, attaccandolo alla prima curva, ma senza successo e poi tenendogli il fiato sul collo. "Su questo circuito è impossibile inseguire", ha urlato ad un certo punto, chiedendo poi al suo muretto una strategia diversa nelle tre soste previste per permettergli di passare in testa, soluzione che non è stata trovata. 

Alle spalle dei due leader, Vettel ha tenuto un passo regolare e un po' rassegnato, senza dover temere attacchi da Raikkonen, che con una diversa strategia, due soste, non ha ottenuto risultati apprezzabili, lamentandosi molto della tenuta della sua Ferrari. Alle loro spalle, in una gara al limite della noia, so è fatto notare piuttosto un altro finlandese, Valtteri Bottas, quinto con la Williams che così conquista il terzo posto nella classifica costruttori. Opaca la prova dell'idolo di casa, Felipe Massa, solo ottavo. 

Tra 15 giorni si ritorna in pista, per l'ultima volta, ad Abu Dhabi, ma molte questioni calde sono sul tappeto, da quella dei motori al calendario, ai test degli pneumatici previsti dalla Pirelli nell'Emirato. La stagione, insomma, non è per nulla finita. 

***

 

SAN PAOLO. La Fia ha squalificato Felipe Massa, giunto ottavo al traguardo del G1 del Brasile, per irregolarita' riscontrate al pneumatico posteriore destro della sua Williams. 

La decisione è stata presa dopo una riunione nel paddock del circuito di Interlagos, tre ore dopo la fine della gara. La Williams ha già annunciato che presenterà ricorso contro la squalifica. 

Secondo la Fia, il pneumatico aveva una temperatura di 27 gradi superiore a quella consentita mentre la pressione superava di 0,1 psi il tetto stabilito per il circuito di Interlagos.

 

Il palinsesto di oggi