Dall'Italia

Smog. Milano senza auto per 6 ore

29-12-2015

 

MILANO. Alle 16 e 1 minuto, sui monitor della centrale operativa della Polizia locale di Milano ieri si sono materializzate le prime auto, quasi avessero aspettato per le sei ore precedenti su una griglia di partenza di un Gran premio di Formula 1. Gli 'autodipendenti' milanesi, però, hanno sostanzialmente rispettato lo stop al traffico, inedito in un giorno lavorativo, decretato dalle 10 alle 16 per il costante sforamento delle polvere sottili ormai da oltre un mese. 

Alla fine, sono stati 300, a fronte di 1500 controlli eseguiti, coloro che non hanno resistito e si sono messi al volante o hanno raccontato di non aver saputo del divieto. Le multe, salate, andavano dai 164 ai 663 euro a seconda della gravità dell'infrazione. Qualche muso lungo tra i commercianti che hanno lamentato clienti in meno ma i milanesi sembrano per la maggior parte aver compreso la ragione del provvedimento. 

"Poco utile, forse - commenta Marta, in via della Moscova, in pieno centro, silenziosa e deserta di mezzi se non quelli pubblici e taxi -, ma è un provvedimento che ha valore simbolico. Andava preso". "Chissà che qualcuno si accorga che arriva prima in autobus al lavoro senza nemmeno dover strombazzare nervosamente", aggiunge. 

Il dispositivo, come spiegato dal comandante della Polizia locale, Tullio Mastrangelo, è stato lo stesso messo in campo per le cosiddette 'Domeniche a spasso' di qualche tempo fa: 46 posti di blocco e 130 pattuglie in giro per la città. Il fatto che in molti abbiano lasciato Milano per le feste ha reso il loro compito un poco meno gravoso. E Milano sarà senz'auto anche domani e mercoledì, nelle stesse ore. Opposizioni all'attacco per un provvedimento che ritengono inutile e dannoso. Soddisfatti, invece, il sindaco Giuliano Pisapia e gli assessori competenti: Pierfrancesco Maran alla Mobilità e Marco Granelli alla Sicurezza. "Dovrebbero prima informarsi. Prima ci si informa e poi si parla. Il trasporto pubblico a Milano funziona molto bene e questa sospensione dell' auto per alcune ore è molto efficace e lo dice l'Arpa", ha commentato Pisapia, che ha aggiunto: "C'è l'abitudine di qualcuno di strumentalizzare tutto senza tener conto e avere come obiettivo il bene dei cittadini". 

L'assessore Maran chiede alla Regione di "ricominciare quell'azione di coordinamento che si è persa in questi anni". "Un blocco regionale - ha osservato - avrebbe avuto un effetto maggiore: è un peccato che non sia stato fatto ma, forse, se queste condizioni dovessero persistere, la Regione potrebbe cambiare idea ed effettuarlo". 

Perché il traffico veicolare a Milano e provincia - spiega l'Amat (Agenzia mobilità ambiente e territorio) - incide sull'inquinamento per circa un 50% mentre gli impianti di riscaldamento per un 22%. Il resto è da attribuire a impianti industriali e altro. Tra questo altro sembrano esserci anche i 'botti', tanto che anche quest'anno la Giunta sta predisponendo un'ordinanza per bandirli in tutta la città. Per ragioni di sicurezza, ma in questi giorni soprattutto per non peggiorare la situazione dell'aria dopo due mesi senza pioggia. 

Il palinsesto di oggi