Sport

Coppa Italia. Bacca salva Mihajlovic

14-01-2016

 

MILANO. Due magie di Bacca, un po' della solita sofferenza e il Milan conquista la semifinale di coppa Italia salvando la panchina di Sinisa Mihajlovic. 

Silvio Berlusconi ha seguito in tv il 2-1 al Carpi, gustandosi il primo tempo (soprattutto la rabona di Bacca e il suo assist per Niang) e molto meno il secondo (in cui il Carpi ha riaperto subito la gara con Mancosu). Quanto basta a scongiurare l'esonero e poter affrontare la vincente fra Spezia e Alessandria (26 gennaio e primo marzo) per conquistare la finale e magari il primo titolo rossonero dalla Supercoppa dell'estate 2011. 

Dietro l'angolo, in campionato, c'è la delicata sfida con la Fiorentina, poi Empoli e il derby, ma per ora Mihajlovic ha allontanato l'ombra di Marcello Lippi evitando un capolinea che molto probabilmente si presenterà a giugno, con un anno d'anticipo. 

Il Milan punta Antonio Conte per la prossima stagione, e Galliani non lo nega. "Stimo molto Conte - ha detto l'ad - in passato gli abbiamo offerto la panchina del Milan, adesso comunque è l'allenatore della Nazionale". 

"Sono sempre in bilico? Da tre mesi c'è questa storia e sarà così fino alla fine del campionato - tiene duro Mihajlovic -. Non mi interessa, lavoro duro e cerco di dare il massimo, poi si vedrà. Ho passato cose peggiori nella vita, questo è il mio lavoro, bisogna accettare tutto il pacchetto". 

Intanto il Milan si gode finalmente una serata senza troppe ansie e contestazioni a San Siro, a parte i fischi a Montolivo e i soliti cori della Curva Sud contro Galliani. Mihajlovic non si prende rischi, schiera i titolari (a parte Abbiati) contro un Carpi pieno di debuttanti a San Siro, e deve ringraziare soprattutto Bacca. A settembre l'allenatore lo avrebbe appeso al muro per una rabona finita fuori contro il Palermo. Questa volta può solo applaudire il colombiano, al 14' per lo spettacolare gol (il decimo stagionale) e al 29' per l'assist di esterno per Niang, non meno bello. 

Bacca è l'unico campione indiscutibile della rosa, che ha appena perso Luiz Adriano. Galliani aspetta che il brasiliano ottenga il visto per la Cina e firmi con il Jiangsu Suning. Servirà qualche giorno, poi il Milan si muoverà concretamente per un rinforzo. Anche alla luce di questa partita serve qualità in mediana, probabilmente arriverà un nuovo attaccante. "El Shaarawy potrebbe tornare", ha annunciato l'ad, mentre non ci sono speranze per Borriello, che vuole lasciare il Carpi ed è stato escluso dalla partita contro la sua ex squadra. 

Forse più preoccupato dalla lotta per la salvezza e dalla sfida di domenica con la Sampdoria, Castori si affida al solo Lasagna in attacco e aspetta l'inizio della ripresa per far debuttare al suo fianco Mancosu, appena arrivato in prestito dal Bologna. Dopo 5' il primo vola in contropiede e serve al nuovo arrivato l'assist del 2-1 che riapre la partita. Il Milan allenta la presa, non basta l'ingresso di Boateng. Aumentano gli errori a centrocampo e smette di fornire Bacca con continuità. Il colombiano sfoga la sua rabbia sul palo perché Kucka lo ignora al centro dell'area e poi perché Calvarese sorvola su un contatto sospetto in area con Letizia. Ma alla fine è felice. "È stata una grande partita - ha detto Bacca -. Aspettiamo di conoscere l'avversario in semifinale, rispettiamo tutti ma voglio alzare la coppa Italia". 

Il palinsesto di oggi