Dagli USA

Casa Bianca 2016. E' scontro sulla sicurezza

23-03-2016

 

NEW YORK. La questione sicurezza irrompe nuovamente, e con forza, nella campagna elettorale americana. Non poteva essere altrimenti dopo le stragi di Bruxelles. E sulle ricette per combattere il terrorismo è scontro tra i candidati alla Casa Bianca, che su questo terreno si giocano grandissima parte delle loro chance di vittoria. 

Soprattutto Donald Trump e Hillary Clinton, i probabili sfidanti nell'Election Day del prossimo 8 novembre. Da un lato la linea dura e intransigente del tycoon newyorchese, a favore di misure drastiche come quella di sigillare le frontiere degli Stati Uniti di fronte all'emergenza. Proposta rilanciata in queste ore e che si aggiunge a quella di colpire le famiglie dei ‘foreign fighter' o a quella di reintrodurre misure di tortura come il waterboarding. 

Dall'altra parte c'è l'ex segretario di Stato, che giudica "impraticabili e irrealistiche" le uscite di Trump, considerate pura propaganda e destinate ad acuire le tensioni sociali, nonchè a fomentare ancor di più gli estremisti. Per Hillary, al contrario dei suoi avversari (compreso l'ultraconservatore Ted Cruz che promette "pattuglie armate per mettere in sicurezza i quartieri musulmani") la lotta al radicalismo non può che avere successo partendo dalla collaborazione con le comunità islamiche. Solo così si possono combattere radicalizzazione e reclutamento di militanti da parte dei fanatici. 

Una linea molto simile a quella di Barack Obama, che da Cuba nel commentare i fatti di Bruxelles lancia un appello all'unità. Non solo all'interno della comunità internazionale ma anche nella società americana: perchè "solo uniti possiamo sconfiggere il terrorismo", ha detto, "senza guardare alla nazionalità, alla razza o alla fede religiosa". 

Due visioni opposte, dunque, che spaccano in due un Paese che, guardando a ciò che accade Oltreoceano, si sente ugualmente minacciato. Con l'allerta terrorismo che, da New York a Washington, da Los Angels a Chicago, è di nuovo ai massimi livelli. E in questo clima gli americani saranno chiamati a scegliere il nuovo presidente. In un'America in cui il dibattito sulla sicurezza è reale, sentito da tutti più di ogni altro tema della campagna elettorale. Non a caso il New York Times - a poche ore da una nuova tornata di primarie in Idaho, Utah e Arizona - interviene di nuovo sulla delicata questione del rapporto tra sicurezza nazionale e libertà civili, chiedendosi se i nuovi attacchi di Bruxelles non mettano definitivamente in luce "tutte le vulnerabilità di una società aperta all'europea". 

Un'Europa chiamata sempre più a riflettere su un futuro in cui le prerogative di ogni singolo cittadino potrebbero essere sempre più a rischio, proprio in nome della sicurezza. Del resto come è avvenuto negli Stati Uniti dopo l'11 settembre del 2001. 

Il palinsesto di oggi